Fiat di Termini, faccia a faccia tra Lombardo e Di Risio

Il presidente della Regione ha incontrato il patron della Dr Motor, l'azienda molisana chiamata a subentrare nello stabilimento. Previsto un presidio di 500 lavoratori davanti a Palazzo d'Orleans

Nuova puntata oggi della telenovela Fiat. Questo pomeriggio è previsto un faccia a faccia a Palazzo d'Orleans, sede della presidenza della Regione, tra il governatore Raffaele Lombardo e Massimo Di Risio, patron della Dr Motor, l'azienda automobilistica molisana, capofila delle imprese chiamate a subentrare alla Fiat nello stabilimento di Termini Imerese.

Nei giorni scorsi il ministro allo Sviluppo economico Corrado Passera aveva dato all'azienda quindici giorni di tempo per dimostrare di esserne in grado, dopo l'evidenza di forti difficoltà finanziarie. Gli operai attenderanno in piazza l'esito della riunione. Cinquecento metalmeccanici arriveranno a bordo di pullman e auto per un presidio davanti al palazzo della Regione. Una nuova protesta dopo giorni di sit-in, volantinaggi e occupazioni che hanno interessato le sedi dell'Agenzia delle entrate, della Serit, della Banca d'Italia e di istituti di credito, nonché la stazione di Termini Imerese e l'autostrada Palermo-Catania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Sesso a 3 in strada davanti ai vigili: "Così passiamo la quarantena", denunciata giovane palermitana

  • Coronavirus, come ordinare da mangiare a domicilio: la lista delle attività a Palermo e provincia

  • Controlli sui prezzi di frutta e verdura, rincari anche del 100% di finocchi e fagiolini

  • Riempiono i carrelli della spesa ma non vogliono pagare, ressa al Lidl di viale Regione

Torna su
PalermoToday è in caricamento