Turismo, il ministro Franceschini promuove la Sicilia a Londra: "Ha grandi potenzialità"

L’offerta enogastronomica è la prima motivazione di viaggio. Il dato emerge dalla ricerca 'Be-Italy' presentata alla fiera internazionale del turismo, dove il Ministro si è recato in visita, dall’Enit - Agenzia nazionale turismo: "Lì c'è tutto: cibo, storia, bellezze naturali e culturali"

Il ministro Dario Franceschini a Londra

"La Sicilia è senza dubbio una delle regioni al mondo con le più grandi potenzialità di crescita turistica". A sostenerlo è il ministro del Turismo, Dario Franceschini, a Londra per visitare Wtm, la fiera internazionale del turismo durante la quale l’Enit - Agenzia Nazionale Turismo - ha presentato la ricerca 'Be-Italy' realizzata da Ipsos. 

Secondo i risultati illustrati, i turisti stranieri mettono l’Italia al primo posto per qualità della vita, creatività e inventiva e la visitano per l’offerta enogastronomica che rappresenta ormai una primaria motivazione di viaggio (è citata dal 48% degli intervistati), sullo stesso livello di città d’arte e monumenti (scelti rispettivamente dal 49 e dal 48%). 

"Le motivazioni principali per le quali i turisti sognano l’Italia - afferma Fabio Lazzerini, componente CdA di Enit - sono cibo, storia, bellezze naturali e bellezze culturali. La Sicilia questi ingredienti li ha tutti. Palermo capitale della cultura 2018 rappresenta una splendida occasione per promuovere il territorio. Il meccanismo delle capitali della cultura è un binomio che sta funzionando moltissimo. L’esperienza di questi anni insegna che non si parlerà solo della città capitale della cultura “singola” ma si creeranno opportunità anche per le aree dell’interno". Lazzerini ha visitato con il direttore esecutivo di Enit, Giovanni Bastianelli, il desk del Distretto turistico Palermo Costa Normanna ospitato all'interno dello stand Wtm Londra della Regione Siciliana dal 6 all'8 novembre.

Il Distretto turistico Palermo Costa Normanna

foto-enit-palermo-fiera-turismo-londra-2Il distretto, che viene promosso soprattutto attraverso un sito, è composto da diversi Comuni del palermitano ed è basato sullo sviluppo di servizi di orientamento al turista e di supporto e assistenza tecnica per gli operatori locali. Ha portato alla costruzione di quattro esperienze di viaggio da proporre – tra le tante altre opportunità – al popolo dei vacanzieri: "Unusual cultural tour", per chi vuole allontanarsi dai flussi turistici di massa, "Culture for kids", per le famiglie con bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni; "Surprising food", per chi è alla ricerca dei sapori unici dell’enogastronomia siciliana; "Active tourism", per chi ama viaggiare a contatto con la natura.

 Grazie a un percorso di coinvolgimento "dal basso" avviato dall’inizio del progetto, alle quattro esperienze di viaggio hanno finora aderito 31 strutture ricettive del territorio, tra BnB, case vacanze, hotel e affittacamere, appartenenti ai comuni di Palermo, Casteldaccia, Santa Flavia, Monreale e Bagheria. Nella logica partecipativa che permea l’intero progetto, le strutture aderenti stanno seguendo uno specifico percorso di assistenza tecnica, tuttora in corso, finalizzato ad associare alle 4 esperienze di viaggio una serie di concrete offerte di soggiorno, che verranno presto rese disponibili attraverso gli strumenti di comunicazione e promozione del distretto.

Sul portale saranno a breve disponibili, ad esempio, 21 percorsi naturalistici geolocalizzati, dedicati a chi vuole scoprire il territorio a piedi, in bicicletta o a cavallo, che rientrano nell'esperienza di "Active tourism". Una sezione specifica sarà dedicata all'ospitalità, con tutte le indicazioni utili a individuare la migliore soluzione di soggiorno nell’ambito delle strutture ricettive ad oggi aderenti. Nella sezione “Vetrina” è inoltre possibile inoltre scoprire le eccellenze dell'artigianato di qualità del Distretto Turistico, che racchiude arte e tradizione, ingegno e passione.

D'altro canto il territorio del Distretto contiene in sé tutti gli elementi della più nota sicilianità, apprezzata dai turisti: il mare, la costa, i monumenti, le risorse naturali e ambientali, le architetture, l’artigianato, l’enogastronomia. Elementi che consentono di offrire un’esperienza unica. Un vero e proprio viaggio emozionale alla scoperta delle similitudini e delle diversità della Sicilia. Palermo, capitale italiana della cultura 2018, si fa vetrina e portavoce di tutto il territorio del Distretto Turistico, offrendo ai viaggiatori, oltre alla consueta accoglienza e vastità di itinerari in città, anche l’opportunità unica e imperdibile, di approfondire la conoscenza di un territorio più vasto che si estende dalla costa all’entroterra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • "Violenza sessuale su una paziente": polizia arresta un medico

Torna su
PalermoToday è in caricamento