Palermo poverissima, 107 mila disoccupati: "Dati drammatici, mai successo"

Sempre meno lavoro in città, si alza sensibilmente il tasso di disoccupazione giovanile. L'allarme dei sindacati: "Ci sono parecchie migliaia di famiglie in condizione di disagio"

Foto Mimì Tumminia

Sempre meno lavoro a Palermo. Gli occupati a Palermo si riducono e passano da 324 mila a 318 mila unità. Seimila occupati in meno in un anno. Nel 2007, dieci anni fa, gli occupati erano 365 mila. E si innalza sensibilmente il tasso di disoccupazione giovanile: dal 65 al 71,2 per cento. Sono alcuni dei dati che emergono dal raffronto, elaborato dal Cerdfos, il centro studi della Cgil, tra le ultime rilevazioni Istat del quarto trimestre 2016, con quelle, di un anno fa, del quarto trimestre del 2015.

“Sono confermate le nostre analisi e le denunce che facciamo da anni - dichiara il segretario generale della Cgil Palermo Enzo Campo - C'è un problema di occupazione, di qualità e quantità del lavoro. Al di là delle medie, ci sono parti della nostra provincia dove il tessuto economico e sociale è ai minimi termini e lì i dati sono ancora più drammatici. La vera emergenza di Palermo è il lavoro, la sua quantità e la sua qualità”.

In città la perdita di posti di lavoro colpisce l'universo maschile. Dei 6 mila posti di lavoro persi, 5 mila in meno si trovano nell'industria: mille si sono persi nel manifatturiero e 4 mila nelle costruzioni. I rimanenti mille posti in meno riguardano i servizi. Per quanto riguarda il fronte femminile, infatti, il mercato del lavoro è rimasto completamente fermo. Restano 113 mila a Palermo le donne occupate, come un anno fa. Non c'è stato nessun incremento né decremento. Anche il tasso di disoccupazione femminile resta stabile: è pari al 26,3 per cento, in linea con il dato dell'anno precedente.

Il tasso di occupazione si abbassa dal 38 per cento al 37,4 per cento. E cresce quello dei disoccupati, che passano da 102 mila a 107 mila, con un tasso di disoccupazione che balza dal 23,9 per cento al 25,1 per cento. La disoccupazione giovanile si incrementa e passa dal 65 per cento al 71, 2 per cento. Una variazione significativa riguarda gli inattivi: diminuiscono, e passano da 417 mila a 414 mila. Un fatto che va letto partendo dalla considerazione della precarietà e della fame di lavoro. “Ci sono almeno 3 mila persone che non cercavano lavoro e che da un anno all'altro hanno iniziato a darsi da fare per trovare un'occupazione- aggiunge Campo - La diminuzione degli inattivi dimostra che la situazione è abbastanza pesante e precaria. Non siamo fuori dal tunnel, mai si era verificata una caduta occupazione di questa portata. L'occupazione è strettamente legata all'andamento del Pil, cioè ai consumi e all'investimento. Se non si lavora su queste due variabili, consumi e investimento, non si creerà occupazione”.

Anche il dato sulla stazionarietà del mercato del lavoro delle donne, rimasto completamento fermo a Palermo, fa riflettere sulla disuguaglianza di occasioni e prospettive. “Considerando che la maggior parte delle famiglie è monoreddito, e che la perdita occupazionale ha interessato gli uomini – prosegue Campo - significa che ci sono parecchie migliaia di famiglie in condizione di povertà. Dai dati inoltre sembra emergere che Palermo, Trapani e Messina siano le province che hanno accusato maggiori difficoltà”. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • Poi se in Sicilia aumenta la criminalita non si devono inca***  i politici. lo stato non ti aiuta , mamma Sicilia si.

  • capitale della disoccupazione sarebbe stato più appropriato ????????????

  • L'unica cosa da fare per far funzionare qualcosa in Italia ma soprattutto in Sicilia e renderci conto che politica ,potere e soldi per gli italiani e un mix di follia ,il più onesto diventa il più spietato,colluso ma soprattutto fa terra bruciata!! L'unica soluzione ....siamo in Europa, dove la politica di alcuni paesi membri e vincente dove possiamo prendere esempio ma non basta!! Propongo un erasmus politico con altri partiti dell'unione europea,dividere tutta la.camera e il senato in gruppi al max di 10 elementi per ogni stato per tutta Europa... bandire ogni italiano dalla politica per almeno 10 anni adottando una politica nuova e sicuramente di successo con politici di altri paesi!!

  • Sicilia; terra di contraddizioni...

  • La realtà dei fatti è che a nessun politico, o partito di governo regionale, interessa cambiare la Sicilia restando ancorati alle poltrone tra corruzione e mafia, per paura di "morire"... ma chi glielo fa fare, penseranno loro!

  • Italiani , Siciliani , palermitani , entro un anno abbiamo la vera possibilità di cambiare , con una semplice x in un fogliettino le sorti della nostra citta' , della sicilia e dell'italila .. abbiate il coraggio di cambiare non votate con i paraocchi , queste persone che stanno sedute adesso sulle poltrone ci hanno portato alla rovina .. sappiate votare .. altrimenti sara' la fine .. sia per ricchi che per poveri ...

  • Purtroppo Palermo è una città fallita. Diciamo un grazie alla politica e alla mafia che ci hanno rovinato!

  • La Sicilia per noi Giovani è morta!!!! Si va avanti solo di raccomandazioni, se non si ha questa non si può lavorare... Una triste realtà!!!

  • L'altro giorno l'emergenza era rivolta alle donne, cosa davvero ridicola, perché spulciando i vari annunci di lavoro, ormai per un motivo o per un altro si ricercano solo donne per svolgere le più disparate mansioni. Oggi, siccome siamo arrivati al 10 di Marzo e la "festa" è già passata da due giorni, ci si concentra sui veri problemi che affliggono la città! Manca l'occupazione giovanile, a maggioranza formata da uomini, v'è una quantità/qualità di lavoro scarsissima. Ma intanto ci vantiamo di far fare i lustrascarpe alla gente!

  • Purtroppo i nostri figli sono costretti ad andare via per colpa di uno stato assente e menefreghista. E ci tocca anche sentire qualche politico che si permette di dire che i giovani che vanno via sono quelli che non hanno voglia di lavorare...!!! Non voglio neppure stare a scrivere ciò che penso di lui e di tutti quelli come lui che si sono mangiati l'Italia e che imperterriti continuano perchè noi permettiamo che restino belli saldi sulle loro comodissime poltrone !!!

    • Inoltre, mai nessun partito, o politico, ci ha voluto mettere la faccia per cambiare il Sud, per paura di "morire"... meglio corrotto e mafioso che far sviluppare il Sud

Notizie di oggi

  • Politica

    Il Comune non ha soldi per la Rap, niente stipendi: si rischia un Natale tra i rifiuti

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Montepellegrino, travolto da un'auto mentre attraversa: grave un uomo

  • Video

    Fiori e lettere sotto i portici per il clochard morto: "Ciao Aldo, amico di tutti" | VIDEO

  • Cronaca

    Zisa, cade nel pozzo luce mentre sistema le tende: grave una donna

I più letti della settimana

  • Il racconto di un palermitano: "Ero con Fabrizio Corona, ecco come ci hanno aggredito nel bosco della droga"

  • Ex militare ucciso nel sonno da moglie e figli, "Accoltellato con lame da macellai"

  • Omicidio in via Falsomiele, uccide il marito a coltellate e poi chiama il 118: "Venite subito"

  • Dopo le coltellate mortali la telefonata ai figli più piccoli: "Ho ucciso papà"

  • Neonata trovata morta nella culla, lacrime e disperazione alla Guadagna

  • Donna muore dopo il parto, familiari autorizzano la donazione degli organi

Torna su
PalermoToday è in caricamento