Slitta il rinnovo della convenzione Reset-Comune, il sindacato: "Accelerare i tempi"

Ieri il consiglio comunale ha rinviato la seduta. Venerdì l'incontro tra le organizzazioni sindacali e l'azienda per definire un accordo di secondo livello previsto. Barone (Asia): "Chiederemo una sorta di premio annuo per i lavoratori che non usufruiscono della malattia"

Ancora niente rinnovo della convenzione Reset-Comune. Ieri il consiglio comunale ha rinviato la seduta, ma non slitterà l'incontro tra le organizzazioni sindacali e l'azienda per definire un accordo di secondo livello previsto per venerdì. "I ritardi e i rinvii ci preoccupano almeno quanto la situazione lavorativa dei dipendenti - dice Salvo Barone, segretario generale del sindacato Asia - che hanno tuttora un contratto part-time". 

Il sindacato Asia vorrebbe chiedere all'azienda una sorta di premio annuo per i lavoratori che non usufruiscono dei giorni di malattia. "Questa la nostra proposta - sottolinea Barone- tra l'altro già applicata in passato alla Gesip e ad altre società che permetterebbe ai lavoratori di percepire un premio annuo di circa mille euro ciascuno, tra l'altro tassato al 10 per cento e non al 23, all'azienda di risparmiare e ai cittadini di usufruire di un servizio più efficace ed efficiente, perché proporzionato alla reale presenza in servizio". Accordi simili hanno portato, nelle aziende che hanno accettato la proposta, un calo notevole dell'incidenza dei giorni di malattia: dal 10 per cento al 3 per cento. "Nel caso specifico - spiega Barone - da una spesa di 3 milioni, si passerebbe a 900 mila". 

La convenzione oggi. Gli enti pubblici liquidano la fattura ad ore di servizio effettivamente svolte. Le ore di malattia, seppur pagate dall'azienda al dipendente, non sono retribuite dal Comune all'azienda. "Insomma - conclude Barone - una giornata di assenza ha esattamente il doppio del costo reale". 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Mafia

      Rapinatore e killer mafioso dal destino segnato, la storia del boss Dainotti: "Uccidetelo"

    • Politica

      Strage di Capaci, Mattarella: "Ricordare Giovanni, Francesca e gli agenti non sia rito formale"

    • Cronaca

      Omicidio Dainotti, Valeria Grasso: "Irresponsabile lasciare liberi i boss"

    • Mafia

      Diciassette anni di tormenti: imprenditore denuncia il pizzo, 4 arresti ad Altofonte

    I più letti della settimana

    • La Sicilia ha il suo Cammino di Santiago: corso per le guide della Magna Via Francigena

    • I servizi di compro auto a Palermo e in Sicilia

    • Quei cantieri che non decollano: "In un anno 1.500 lavoratori in meno"

    • Bagheria, Fit Cisl: "Su assunzione netturbini calpestate le norme"

    • Turismo, economia e abusivismo: Confesercenti incontra il sindaco Orlando

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento