Termini, market "Spaccio alimentare" verso la chiusura: lavoratori in agitazione

L’annuncio dell’azienda ha scatenato ansia e allarmismo tra i dipendenti del gruppo Cambria. Venti i posti a rischio tra il Palermitano e Catania

(foto archivio)

Ultimi due giorni e chiuderanno le filiali dei supermercati del gruppo Cambria a Termini Imerese e Catania. Si tratta dei supermercati a marchio Spaccio alimentare e Iperspaccio. Una decina i lavoratori impiegati a Termini che rischiano il posto, altrettanti nel capoluogo etneo. I sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno proclamato lo sciopero regionale (data da definire) diffidando la società dal proseguire queste azioni. Tra i punti vendita a Palermo quelli di via La Malfa, via Crocifisso a Pietratagliata (ex Sma) e via Ingham (ex Cityper Sma).

“Durante il precedente incontro – ricordano i sindacati - avevamo diffidato la società dal porre in essere iniziative di questo tipo, senza il preventivo e dovuto confronto sindacale, con l’obiettivo di salvaguardare e tutelare i livelli occupazionali, concordandone criteri e modalità che non possono rimanere una scelta discrezionale dell’azienda. È inutile rappresentare il clima di allarmismo e confusione che si respira ormai in tutti i punti vendita, a causa delle imprevedibili e improvvise iniziative aziendali, che ormai sono diffuse in tutte le province e che rischiano di vanificare i sacrifici che in questi ultimi anni i lavoratori hanno dovuto sopportare. Iniziative che evidenziano una palese difficoltà da parte della società di avviare un progetto di rilancio chiaro e definito e una evidente mancanza di una visione di prospettiva a lungo termine”.

Quindi la proclamazione dello sciopero regionale “con le modalità che ciascun territorio riterrà opportune, le cui date saranno successivamente comunicate nei termini in ossequio alle norme di legge vigenti”. I sindacati guidati da Salvatore Leonardi, Mimma Calabrò e Marianna Flauto hanno inoltrato comunicazione anche all’Ispettorato regionale del Lavoro, al quale si chiede “con sollecitudine di convocare un tavolo regionale con la società per affrontare il tema del mantenimento del perimetro aziendale e di tutti i livelli occupazionali”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • ma avete mai pensato che cosa vende lo spaccio alimentare??? i polli sono gli scarti perché piccoli e in cattive condizioni,per questo li riempiono di aromi....salumi e formaggi scaduti o con muffa......carne discutibile.....ma guardiamo il prezzo e tutto diventa magicamente ottimo!!! fanno bene a chiudere invece di avvelenare la gente!!

    • Lasci la libertà di avvelenarsi, alla gente...

  • E tra poco esploderà il caso in un'altra catena, a Palermo...

  • Avatar anonimo di Francesco
    Francesco

    come mai in sicilia tutti questi gruppi di imprenditori siciliani partono alla grande per poi chiudere quasi tutto tirare fuori le filliali di punto e il resto nello stato passivo del bilancio.... e per i prossimi anni non pago manco le tasse visto che sono in perditi ahhh e poi dulcis in fondo... mi sono sbarazzato di tanti lavoratori..... ovviamente i sindacati apriranno tavoli tavolini e sedie a sdraio per incassare soldi dei lavoratori e alla fine si lavano le mani..... oramani una catena consolidata da anni!!!!!! grazie sindaco olllanda che guardi ai migranti! almeno loro sono salvaguardati e ti porteranno dei voti

  • Avatar anonimo di Dario
    Dario

    Pensavo che ormai la gente punta su centri commerciali perché mi pare logico che non si può affrontare sempre il traffico, spendere tanta benzina per andare in vari negozi, pagare le tante strisce blu nella città dove quella di Palermo è proprio quasi tutta tapezzata, ci vuole stare in centro commerciali dove facendo proprio due passo a piedi e sotto l'aria condizionata oltre che senza il caldo e lo smog, si può andare nel negozio si era scelto di andare inizialmente anzi, già che la vita gli viene facile a chi deve fare compere in questo senso magari spenderenbero di più perché non dovrebbero andare lontano per fare un occhiata alle novità e prezzi di negozi diversi di altri generi di cose da comprare in un terzo negozio come nell'esempio di prima. Conviene fare centri commerciali anche piccoli se lo spazio è grande non fare solo generi alimentari ma fare più negozi anche piccoli, l'ex auchan di Ugo la Malfa sarebbe un bel posto dove fare un piccolo centro commerciale basta alzare qualche muro e fare più negozi dando anche la possibilità ad altri di lavorare, infondo il parcheggio e abbondante...

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Le chiusure e fallimenti avvengono grazie al governo, perché le tasse le vuole immancabilmente e con gli interessi,  se la ditta non ha lavorato vuole le regolari minime  che spettanano da pagare, se invece la ditta ha lavorato sei totalmente rovinato.  In pochi hanno capito il meccanismo.

    • Avatar anonimo di Dico la verita
      Dico la verita

      Queste aziende intascano soldi da tutte le parti sfruttano i lavoratori intascano soldi e chiudono i supermercati funzionano cosi

    • Avatar anonimo di Dario
      Dario

      La destra è a favore degli imprenditori, dico a parte gli ideali dell'estrema destra ma sappiamo chi c'e come leader, qualcuno che è a capo di tante aziende, loro parlano di aiutare gli imprenditi di tutti i livelli ma non si parla mai di regolare l'onestà a favore dello stato con le imposte per loro, è sempre un argomento di cui si può sempre sorvolare per loro certo, mi sembra scontato perché, chiunque ci arriverebbe dato il leader, che poi mi domando ma si può avere la possibilità di avere canali televisivi e fare della tv un mezzo per fare lavaggi del cervello? La tv indipendentemente di chi sia dovrebbe essere sempre e dici sempre neutrale, dovrebbe diffondere programmi non demenziali ma di cultura e con meno oscenità, queste cose come mai non si regolano? Dico a parte i programmi tv, come mai non si regola l'onestà con leggi fatte ad hoc per gli imprenditori? Questa dei panifici che fanno da mini market è un chiaro esempio di come non viene regolata l'onestà dei panifici, se hanno altri prodotti non possono vendere tutto fiscalizzando al 4% senza che nessuno poi gli dice niente dato che la finanza punta a pesci più grossi, la finanza a parte tutto penso dovrebbe fare pure il suo dovere anche nelle piccole perdite come quelle degli scontrini non farlo come per la municipale appostarsi solo con l'autovelox e poi non fare più nienre direi che è sinonimo di scansafatiche, di poca dedizione al lavoro.

    • Avatar anonimo di Dario
      Dario

      purtroppo quando ci sono debiti di stato, quando ci sono spese urgenti per disastri naturali e emergenze quando molti evadono le tasse beh è così che va, si può essere buoni quanto si vuole la gli obblighi sono obblighi i doveri sono doveri, se chi evade le tasse senza che il governo ne sappia niente per calamità gli crollerebbe la casa lo stato lo aiuterebbe ma lui, l'evasore non fa la parte di compagno per tutti gli altri, gli altri sono i seplici onesti che pagono le tasse niente di più quindi che si cerca di pretendere quando quasi buona parte dell'Italia non aiuta perché vuole fare il furbo? Tanto le tasse le prenderà ugualmente da un altra parte e sempre a le stesse persone ma non saranno spalmati su tanti punti, la differenza uccide il paese è proprio questa, saranno solo nelle bollette e quelle tutti le paghiamo di sicuro. Purtroppo c'e chi, nell'esempio dello scontrino non fatto vende tanto con cose si vedono abbastanza fare e siccome ci arriva un bambino non lo fanno, oppure a volte sono panifici che, pagando poco di percentuale di tasse detengono anche prodotti oltre ai normali prodotti di panificio, porodotti che però nello scontrino vanno tassati al 22% no al 4% come per il pane, questa è un altra forma illecito che tanti forse non notano i prendono sotto gamba ma molti che hanno il panificio così arricchiscono perché l'IVA a tutti la danno pagare sempre al 22% compreso il loro guadagno che spesso è pure eccessivo quindi facendo 22-4 direi che come risultato rubano ogni volta per chi li entra proprio per fare la spesa rubano il 18% di Iva che va nelle loro tasche.

    • Avatar anonimo di Dario
      Dario

      Non sono a favore dello stato ma di certo lo stato è un meccanismo se viene oliato intendo senza che nessuno le evade con gli scontrini ad esempio facendo il furbo o di altri fronti di sicuro potrebbero cambiare le cose se la gente ruba allo stato cioè ai soldi di tutti che servono per mandare avanti una nazione da qualche parte lo devono prendere no? È pur vero che dai fondi dello stato i governi un po troppo spesso attingono troppo ma qualcuno deve pur farglielo capire, forse una minore evasione farebbe capire che le persone più di tanto non possono dare...

    • Ma che dici ormai siamo governati dai grillini e da Salvini, non vi preoccupate arriva il reddito di cittadinanza.

      • Avatar anonimo di klauss
        klauss

        beh certo con i tuoi amici Renzi Boldrini ecc ecc non chiudeva niente...

      • Avatar anonimo di nino
        nino

        Forse senti la mancanza del tuo omonino Matteuccio con tutta l'allegra brigata...

        • Avete sbagliato non sono Renziano,ma tra i due mali era meglio il minore.Dai andate a chiedere il reddito di cittadinanza che vi tocca.......dai andate a ........

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Daita, col Suv contro le auto posteggiate e poi si ribalta: morto il figlio del titolare del bar Renato

  • Cronaca

    La polizia non dorme: "Le pattuglie di tutti gli otto commissariati in giro 24 ore su 24"

  • Cronaca

    "Non ha abusato della figlia", sentenza ribaltata in appello: incubo finito per un padre

  • Cronaca

    Assalto con pistola in via Sammartino, rapinata la sanitaria Vizzini

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, camion travolge auto: morto un magistrato

  • Il migliore cardiochirurgo del mondo? Lavora a Villa Sofia: "Così ha salvato una donna"

  • Giovanni e una vita tra toga, famiglia e pallone: "Magistrato di spessore, uomo serio e preparato"

  • Lacrime e silenzio per il funerale di Giovanni Romano: "Quel messaggio senza risposta di domenica notte"

  • Stroncato da un infarto mentre è in bici: morto avvocato palermitano

  • Mistero sui binari della metro, macchinista vede cadavere e ferma il treno

Torna su
PalermoToday è in caricamento