Via Terrasanta perde pezzo di storia Chiude il negozio di dischi Taormina

La bottega di vinili gestita da 50 anni da Paolo Emilio costretta ad arrendersi alla crisi. "Sposterò la mia attività su internet, purtroppo i tempi sono cambiati". Una festa per il mezzo secolo di attività

Paolo Emilio Taormina (foto Campolo)

Punto e basta. O meglio, puntina e basta. La musica è finita, trasloca. Almeno quella in vinile che Paolo Emilio Taormina ha venduto per 50 anni in via Terrasanta, nel suo negozio di dischi. La bottega chiude, si sposta su eBay. Un po' come Carlo Verdone nell'ultimo suo film, "Posti in piedi in paradiso", Paolo è costretto ad arrendersi al tempo, all'avanzata delle nuove tecnologie.  "Colpa della crisi - racconta - ma anche colpa di una cultura musicale diversa".

Già, prima le cassette, poi i cd, infine gli mp3. Se chiedi a un ragazzo che cos'è un vinile, magari non sa rispondere. Eppure su quei 78, 45 e 33 giri hanno sognato almeno un paio di generazioni. A loro, per mezzo secolo, Paolo Emilio Taormina, 74 anni, ha dato consigli e venduto note ed emozioni. Altro che iPod. Rock, jazz, pop e non solo. Anche letteratura, perché Paolo scrive romanzi e poesie ed è apprezzato all'estero, per esempio in Armenia e in Albania. E pure i suoi scritti finiranno nel negozio on line.

"Perderò il contatto coi clienti, il dialogo con loro", spiega triste il musicofilo. Di sicuro però non gli mancherà l'affetto di chi lo ricorderà per la sua vena artistica e per la sua gentilezza. Come quei condòmini di via Terrasanta che con Paolo e in mezzo ai dischi hanno brindato per i 50 anni di attività e forse per rendere meno amaro l'addio.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

  • Paura Coronavirus a Partinico, studentessa arrivata da Shanghai: "Trattata come una minaccia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento