Fincantieri, Fiom: “Salvati tutti lavoratori servizio pulizie"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Nel cambio d'appalto per il servizio di pulizia all'interno di Fincantieri, la Fiom Cgil Palermo raggiunge un accordo che salva tutti i 21 lavoratori,
riconfermati dalla nuova azienda. L'intesa- secondo quanto reso noto dal sindacato - sarà formalizzata nel prossimo incontro tra il sindacato e la P&;P Facility Mangement di Torino, che dal 1° febbraio è subentrata alla Cosea di Roma per svolgere la pulizia negli uffici e all'interno delle officine di carpenteria leggera e pesante del Cantiere Navale di Palermo. L'azienda, nella trattativa che si è svolta nei giorni scorsi, si è impegnata anche a garantire l'articolo 18, la vecchia disciplina contro i licenziamenti illegittimi cancellata dal Jobs Act.

“E' per noi un grande risultato che i lavoratori, nel passaggio da un'azienda all'altra, siano stati tutti quanti riassorbiti e siano stati confermati il salario maturato e i diritti acquisiti – dichiarano Francesco Foti, segretario provinciale Fiom Cgil Palermo e Salvatore Sampino e Claudio Amato, della Rsu - L'azienda si è resa inoltre disponibile ad andare in deroga al Jobs Act con il mantenimento dell'articolo 18. I lavoratori, di cui cinque donne, sono già operativi con la nuova azienda e lavorano dal primo febbraio per le pulizie civili e industriali”.
 

Torna su
PalermoToday è in caricamento