Almaviva, l'azienda propone un "Piano qualità": 3 fasi per rilanciare il call center

La società punta su "analisi delle performance, valutazione condivisa e identificazione delle aree critiche, percorsi di formazione e riqualificazione sulla qualità delle prestazioni". Critica la Cgil: "Basta chiacchere"

Protesta dei lavoratori Almaviva - foto archivio

"Crescita delle attività, riduzione degli ammortizzatori sociali e il ripristino integrale di ogni voce retributiva in busta paga". E' quanto il "Piano qualità per il recupero della produttività e il rilancio della capacità competitiva" del call center Almaviva, presentato oggi dal presidente della società Andrea Antonelli, nel corso di un incontro con i sindacati alla presenza dell’assessore al Lavoro, Maria Ippolito.

"Nel corso della riunione Almaviva Contact - si legge in una nota - ha illustrato le linee del progetto articolato in tre fasi: analisi delle performance, valutazione condivisa e identificazione delle aree critiche, percorsi di formazione e riqualificazione sulla qualità delle prestazioni. Il piano per la qualità, che risponde alla necessità di recuperare il deficit produttività adeguando il livello di efficienza del centro a garanzia della sua sostenibilità, prevede il coinvolgimento attivo e propositivo dei lavoratori e un ruolo di riferimento delle rappresentanze sindacali. Il processo a valle dell’analisi si sviluppa attraverso meeting individuali con la 'funzione qualità' dedicata, indipendente dalla linea gerarchica, in cui si analizzano i dati di performance mettendo in evidenza i punti di forza e le aree di miglioramento. A seguito di verifica dell’efficacia degli interventi, si pianificano percorsi formativi propedeutici al raggiungimento degli standard di efficienza e qualità. Un progetto innovativo per la crescita della qualità, garantito da ogni tutela per il profilo e la riservatezza dei lavoratori, i cui dati individuali raccolti non possono essere utilizzati a fini disciplinari né per definire eventuali avanzamenti di carriera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ancora una volta  - critica il segretario generale della Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso - non si è parlato né di un piano di investimenti da parte dell'azienda né su quello che la Regione intende fare per dare una prospettiva di vita ad Almaviva in Sicilia e tenerla radicata alla nostra terra. Si è discusso di argomenti pretestuosi, a cominciare dal controllo a distanza dei lavoratori: l'articolo 4 dello statuto dei lavoratori è l'ultimo degli argomenti da cui partire e va affrontato a livello nazionale, perché investe tutto il settore e non solo Almaviva”.  “Che fine ha fatto alla Regione il fondo sulla formazione? E l'applicazione dei bandi di information technology? - domanda Rosso – E quali sono gli investimenti dell'azienda? Ci aspettiamo da Almaviva cifre e date previste per gli esodi incentivati, una data precisa per le 100 postazioni di information technology e l'avvio della discussione sul contratto di secondo livello, che può cambiare in modo definitivo l'organizzazione del lavoro. Su questi punti siamo disponibili a confrontarci. Basta chiacchiere. Siamo stanchi di vedere accordi puntualmente disattesi e smentiti dall'azienda. E  vorremmo che la Regione pretenda il rispetto degli accordi e segnali concreti per dare un futuro al settore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento