Teatro Massimo, approvato il bilancio di previsione 2018: "Conti in equilibrio"

E' il quinto anno consecutivo che i conti tornano. Il presidente Orlando: "Siamo fuori dall'emergenza, il 2019 sarà l'anno del rilancio". Il sovrintendente Francesco Giambrone: "E' la conferma dell’impegno della Fondazione per incrementare i ricavi"

I conti del Teatro Massimo sono a posto. Ci sono quindi le premesse per uscire dall'emergenza e avviare il rilancio della struttura. Lo sostiene il Consiglio di indirizzo del Teatro che ha approvato il bilancio di previsione per il 2018 e quello triennale per il 2018-2020: "E' il quinto in equilibrio e sancirà l’uscita dal piano di risanamento, che ha imposto limitazioni e sacrifici ma che è stato essenziale per creare le premesse per uscire dalla condizione di emergenza, secondo una visione progettuale di rilancio di tutte le attività del Teatro".

Soddisfatto il presidente del Consiglio di indirizzo della Fondazione, Leoluca Orlando: "Si conclude in modo positivo una fase delicata che è stato possibile realizzare con l’apporto di tutti coloro che hanno a cuore il Teatro: i dipendenti, gli artisti tutti, le organizzazioni sindacali e gli organi di amministrazione. Un apprezzamento particolare al Sovrintendente e al direttore operativo per aver presentato un bilancio, pienamente validato anche nelle modalità di costituzione dal collegio dei revisori; un bilancio che prefigura col primo gennaio 2019 un giro di boa che dovrà essere occasione di rilancio organizzativo e produttivo del Teatro Massimo. Il 2018 sarà un anno nel quale creare le coerenti condizioni perché questo rilancio venga messo in sicurezza. Confermo l’attenzione del Comune, auspicando, così come già richiesto, un adeguato coinvolgimento da parte del governo nazionale e regionale e da parte degli investitori privati».

"È un bilancio - commenta il sovrintendente Francesco Giambrone - molto importante, che arriva in una fase significativa della vita della Fondazione e che ne conferma l’impegno nell’incrementare ulteriormente i ricavi propri, una voce che già negli ultimi anni ha avuto importanti riscontri; nel mantenere in equilibrio e in sicurezza l’intera Fondazione, ma in un progetto complessivo che persegue alta qualità ed eccellenza delle produzioni artistiche e un progressivo investimento sulle risorse umane".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento