"Basta ca tu veni a pigghiari": ecco il mercatino social del riuso

Le regole da seguire sono poche e semplici. L'utente pubblica la foto di un oggetto di cui deve sbarazzarsi e il primo che risponde all'annuncio si aggiudica il pezzo. Il gruppo conta ormai oltre 7 mila membri

Uno degli oggetti offerti da un utente

"Hai roba da regalare, ma non sai a chi potrebbe servire? Hai messo su casa e non hai più un euro? Metti una foto dell'oggetto su questo gruppo e verrà gratuitamente aggiudicato alla prima persona che risponderà". Basta ca tu veni a pigghiari, semplice. La pagina Facebook creata nel febbraio 2012 ha riscosso grande successo nella comunità palermitana. Tante le "transazioni" andate in porto: da mobili di ogni genere a ricambi per auto, dai pattini in linea a piccoli elettrodomestici. Regola insindacabile: sia in caso di cessione che di acquisizione, non è prevista alcuna forma di pagamento.

In tempi di vacche magre, la necessità aguzza l'ingegno. Ed è così che probabilmente è nata l'idea ad alcuni palermitani. Sono cinque gli amministratori della pagina Facebook, il cui compito è quello di moderare gli annunci pubblicati ed assicurarsi il rispetto reciproco fra gli utenti iscritti al gruppo. Utili dunque i consigli forniti sin dall'inizio per evitare fraintendimenti, situazioni disdicevoli o più semplicemente "sciarre". Eccone solo alcuni esempi: l'ironia non è sempre ovvia e un testo crudo e insensibile può facilmente risultare rude; sii attento alle parole che scegli; sii pronto a scusarti; nelle discussioni lavora verso l'accordo; usa sempre il buon senso.

Seguendo le evoluzioni sono state necessarie alcuni aggiornamenti, alcuni dei quali votati democraticamente dalla comunità. Per esempio, lo scorso febbraio, gli utenti hanno approvato un "emendamento all'architettura normativa" del gruppo: ritenete utile, e quindi tollerabile, l'inserzione di u post di tipo "cerco"? Hanno vinto i "si" con 251 voti su 315. A proposito di tolleranza, saranno esclusi dalla bacheca post palesemente fuori contesto, quelli che prevedono un transazione economica, post di lamentela sui "cerco" o sugli "sfacinnati accaparratori", post e/o commenti che alimentano polemiche, insulti o parolacce. Se dovete dunque disfarvi di qualcosa che non utilizzate più ma ancora in buone condizioni, basta pubblicare l'annuncio ed attendere che "qualcuno su veni a pigghia".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di giuseppina Li Pira
    giuseppina Li Pira

    speriamo bene

  • "Basta ca tu veni a pigghiari", COME SI ENTRA

  • Avatar anonimo di francesco
    francesco

    basta ca tu veni a pigghiari

    • Avatar anonimo di jhonny
      jhonny

      come facio ad aderire al sito?????

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente in via d'Aosta, auto investe pedone e fugge: morto 49enne

  • Cronaca

    La Regione vende il Parco Uditore? Il Comune si schiera con i volontari: "Giù le mani"

  • Sport

    Palermo-Fiorentina 2-0: orgoglio rosa, finalmente brilla Diamanti | Cronaca e pagelle

  • Cronaca

    Zen, 59 piante di marijuana nei sotterranei di un condominio: scovato nascondiglio

I più letti della settimana

  • Forum sempre più internazionale: 15 nuove aperture, c'è anche Bershka

  • Unicredit chiude le filiali palermitane ma rassicura: "Nessuna ricaduta sui lavoratori"

  • A Palermo 20 mila famiglie povere, un alunno su tre si ferma alla terza media

  • Commercio, boom di aperture a Palermo: "2.500 attività negli ultimi 2 anni"

  • 980 lavoratori del Coime, trovato accordo: "Si chiude vertenza infinita"

  • Edilizia in crisi, l'allarme: "A Palermo bruciati quasi 1.500 posti di lavoro in un anno"

Torna su
PalermoToday è in caricamento