Cambia l'appalto di vigilanza al Teatro Massimo, Uiltucs: "Cinque lavoratori a rischio"

La Elisicilia è subentrata alla Ksm Service e secondo il sindacato "i dipendenti non sono stati salvaguardati come previsto dalla normativa". Marianna Flauto: "Ci appelliamo al sindaco Orlando che è anche presidente del cda della Fondazione"

"Cambia l’appalto dei servizi di vigilanza non armata alla Fondazione Teatro Massimo, ma i lavoratori non vengono salvaguardati come previsto dalla normativa. Cinque i dipendenti che rischiano il posto". Lo comunica la Uiltucs Sicilia che per voce del segretario generale Marianna Flauto chiarisce che “il permanere nella violazione ci vedrà costretti ad avviare tutte quelle iniziative presso le autorità competenti al fine di far applicare le norme violate, compresa l’eventuale richiesta del risarcimento del danno, sia nei confronti della società Elisicilia Srl sia nei confronti del committente che abbia assunto una posizione passiva dinanzi l’urgente problematica posta”

La Elisicilia è subentrata alla Ksm Service senza procedere al passaggio dei lavoratori. “La mancata applicazione della norma in materia di cambio di appalto - afferma Flauto - genera esuberi e dunque la perdita di posti di lavoro. Il mancato controllo da parte del committente sull'applicazione delle norme di legge e della clausola sociale introdotta per legge nei bandi di gara denota una certa leggerezza e una evidente superficialità da parte del committente e del Rup, che ha l'obbligo di verificare che siano state applicate le norme e le previsioni del capitolato speciale, e comunque è corresponsabile  delle eventuali conseguenze che subiranno i  lavoratori”.  

Flauto ricorda che “tali pratiche purtroppo continuano a diffondersi grazie al mancato controllo da parte delle autorità preposte al controllo. Ciò in un territorio difficile e complicato come quello siciliano con tassi di disoccupazione vertiginosi rischia di diffondere un sistema di irregolarità diffusa che finisce per colpire i soggetti più deboli ovvero i lavoratori. Ci appelliamo al sindaco Orlando che è anche presidente del cda della Fondazione affinché intervenga facendo applicare le previsioni del capitolato speciale e della clausola sociale obbligatoria, ripristinando quelle condizioni di legalità che permettano ai lavoratori di mantenere il proprio posto di lavoro alle medesime condizioni  dando seguito al cambio di appalto”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Le cose cambiano.

    • Peccato che non cambi mai tu....

      • Cresca un po'.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Via Ruggero Settimo si trasforma in un ring, quattro universitari aggrediti dal branco

  • Mafia

    La mafia di San Lorenzo non perdona, pagano tutti: dal lido di Isola al vivaio e l'Elenka

  • Cronaca

    Raddoppio ferroviario, via ai lavori: "Entro il 2025 Palermo-Catania in treno in un'ora e 45 minuti"

  • Cronaca

    Lavori sulla A19, "inferno" di traffico dalla rotonda di via Oreto fino a Bagheria

I più letti della settimana

  • Tragedia al Villaggio, ragazza si suicida lanciandosi dal balcone

  • Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

  • Schiaffo al clan di San Lorenzo, 10 arresti: "Preso anche il re dello spaccio allo Zen"

  • Ragazza va in bagno, poi esce con le vene tagliate: paura in un bar in zona via Libertà

  • Scoperta loggia supersegreta, ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • La mafia di San Lorenzo non perdona, pagano tutti: dal lido di Isola al vivaio e l'Elenka

Torna su
PalermoToday è in caricamento