Cambio al vertice di Ance Palermo: Massimiliano Miconi nuovo presidente

Avvocato, 47 anni, succede a Fabio Sanfratello, che ha guidato l’Associazione dei costruttori negli ultimi sei anni. Il neo eletto: "Il mio impegno principale sarà quello di ridare centralità al lavoro e al ruolo del costruttore"

Massimiliano Miconi

Massimiliano Miconi è il nuovo presidente dell'Associazione dei costruttori (Ance) Palermo. È stato eletto a grandissima maggioranza dall’assemblea ordinaria riunitasi nella sede di Palazzo Forcella De Seta, durante la quale è stato eletto anche il nuovo consiglio direttivo, di cui fanno parte i neoconsiglieri Salvatore Russo, Giuseppe Puccio, Angela Pisciotta, Mario Puglisi, Adriana Stillone, Gaetano Scancarello, Fabio Florio, Francesco Paolo Sorti e Riccardo Galioto.

Il neo presidente succede a Fabio Sanfratello, che ha guidato l’associazione di Palermo negli ultimi sei anni e della quale Miconi è stato vice presidente. Miconi ha 47 anni, è avvocato, socio e amministratore delegato delle società di famiglia, la Impre.Co.Ge. S.r.l., operante da più di 50 anni nel settore della progettazione, realizzazione e gestione di grandi opere idrauliche e la Costruzioni Immobiliari S.r.l., società immobiliare e di facility management. È stato tra i fondatori, nei primi anni 90, del Gruppo Giovani Imprenditori di Acep - associazione costruttori edili di Palermo – di cui poi è diventato per due mandati presidente, e ha ricoperto le cariche di componente dei C.d.A. della Cassa Edile di Palermo, dell'Ente Paritetico C.P.T. e della Re.Se.T. Palermo s.c.p.a.  Attualmente è anche vice presidente vicario di Ance Sicilia. 

"Il mio impegno principale sarà quello di ridare centralità al lavoro e al ruolo del costruttore - ha detto il neo presidente - che deve rimpossessarsi della dignità storica del suo lavoro che la crisi del settore e la disattenzione della politica oggi gli hanno strappato. Il futuro delle nostre proposte passa dalla condivisione di una mappatura delle tantissime opere piccole, medie e grandi su cui innescare un percorso virtuoso che porti alla loro manutenzione e messa in sicurezza. I danni del dissesto, i rischi per tutti gli edifici con la loro inadeguatezza, edifici scolastici e pubblici in primis, le strade fatiscenti, la generale arretratezza infrastrutturale delle opere primarie e la inesistenza di quelle secondarie, sono e saranno alcuni dei temi su cui dialogare, scontrandoci anche se necessario, con la nostra area metropolitana, a partire ovviamente dal Comune di Palermo. Tutto ciò – conclude Miconi - non può non passare attraverso un costante dialogo con i rappresentanti del territorio, comprendere, ascoltare, conoscere e sollecitare tutti per assistere al meglio gli associati”.

"Il mio augurio di buon lavoro a Massimiliano Miconi - dice il sindaco Leoluca Orlando - che prende il posto di Fabio Sanfratello a cui va il mio apprezzamento per quanto fatto in questi anni in condivisione di impegno per la nostra città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Palermo dove trovare sconti e fare affari

Torna su
PalermoToday è in caricamento