homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Vertice all'Amap: 80 lavoratori verso il licenziamento

Si tratta dei dipendenti della società Aps: la vertenza è stata al centro di due distinti incontri con la curatela dell'azienda in fallimento

Ottanta posti di lavoro a rischio. Oggi pomeriggio si sono svolti due distinti incontri del CdA dell'Amap con la curatela della società Aps in fallimento e le organizzazioni sindacali per la soluzione della vertenza del personale della stessa Aps, attualmente impiegato presso l'azienda Amap in forza del contratto di affitto di ramo d’azienda.

"Amap - si legge in una nota - ha ribadito la propria proposta di acquisto relativa ad un ramo d’azienda costituito da 118 lavoratori a tempo pieno, in relazione al ridotto fabbisogno connesso all’erogazione del servizio idrico nei confronti dei 33 Comuni che hanno conferito alla società la gestione del servizio medesimo. La Curatela ha rifiutato tale proposta ritenendo che l’elevato rischio di contenzioso connesso all’esubero di circa 80 lavoratori possa pregiudicare l’interesse dei creditori. Amap ha comunicato alle organizzazioni sindacali l’esito dell’incontro con la curatela e conseguentemente l’impossibilità di assorbire l’intero personale ex Aps per l’insostenibilità dei costi rispetto agli incassi per il servizio derivanti dal numero di Comuni aderenti".

"Considerato che la curatela ha ribadito la propria intenzione di mantenere i licenziamenti già comunicati ai lavoratori e con effetto dal prossimo 31 marzo alle ore 12.00 - prosegue la nota -, l’Amap, per scongiurare il rischio occupazionale che a quel punto sarebbe irreversibile e al fine di trovare soluzioni in grado di contemperare le esigenze economiche aziendali e di tutela, anche parziale, dei posti di lavoro, si dichiara disponibile a prendere in considerazione l’ipotesi di una ulteriore proroga del contratto di affitto di ramo d’azienda per 60 giorni, così come richiesto dalle organizzazioni sindacali". Tale posizione è stata comunicata anche al Comune, che "avendola trovata in linea con le posizioni espresse dall'Assemblea dei sindaci soci, la condivide". 

"Amap - dichiara la presidente Maria Prestigiacomo - attesa la rilevanza della vertenza, ritiene necessario il fattivo coinvolgimento del Governo Regionale e dei Comuni attualmente non aderenti, per una soluzione definitiva e positiva della vertenza".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      "L'acqua è pulita", verso la revoca del divieto di balneazione alla Bandita

    • Incidenti stradali

      Incidente in viale del Fante, schianto nella notte: due giovani in prognosi riservata

    • Cronaca

      Costruzioni e porticati non autorizzati, sette denunce per abuso edilizio

    • Cronaca

      Scippata con violenza in corso Vittorio Emanuele, nel mirino una turista francese

    I più letti della settimana

    • Conad rilancia: 11 nuovi punti vendita e 110 posti di lavoro

    • "Aumentano rapine e furti nei negozi mentre le imprese chiudono": l'allarme di Confesercenti

    • Collegamenti tra Palermo e Cagliari, la Tirrenia raddoppia la linea

    • Volotea: torna il collegamento con Palma de Maiorca, ora si vola a Ibiza

    • Amap, il bilancio metropolitano si chiude in utile

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento