Voto di scambio, candidato sindaco di Bagheria Tripoli si difende: "Mai promesso posti di lavoro"

Il giovane politico, indagato per corruzione elettorale in concorso con Totò Cuffaro nell'inchiesta della Procura di Termini, respinge le accuse e lancia una stoccata al M5S: "Sono sicuro di aver agito correttamente. I grillini hanno sostenuto un sindaco rinviato a giudizio"

Filippo Tripoli

Si dice "estraneo ai fatti" il candidato sindaco di Bagheria, Filippo Tripoli, dopo il terremoto giudiziario innescato dall'indagine della Procura di Termini Imerese su un presunto caso di voto di scambio. Nella maxi-inchiesta, che ha portato alla denuncia di 96 persone, Tripoli è accusato di corruzione elettorale in concorso con Totò Cuffaro, ex presidente della Regione.

Tripoli si difende così: "Sono sicuro di aver agito correttamente: non ho mai promesso posti di lavoro in cambio di voti. Dopo aver ricevuto e studiato le copie degli atti, attraverso i miei legali chiederò ai magistrati di essere sentito al più presto. Se sul piano giudiziario mi sento assolutamente sereno, sul piano politico mi amareggia il fatto che la notizia sia uscita proprio nel mezzo della campagna elettorale per le amministrative a Bagheria, che mi vede candidato a sindaco".

"E' evidente infatti - sottolinea Tripoli - che tale notizia rappresenta una ghiotta quanto meschina occasione di strumentalizzazione da parte di qualche avversario. Anche da parte di chi come l'onorevole regionale Salvatore Siragusa, del M5S, sbandierando il vessillo della legalità ha sostenuto un sindaco non solo indagato, ma anche rinviato a giudizio per falso ideologico, turbata libertà degli incanti, violazione del segreto di ufficio e abuso di ufficio al fine di perseguire interessi personali e familiari. Non ricordo, infatti, che Siragusa abbia chiesto né a Patrizio Cinque né ai consiglieri del Movimento di fare un passo indietro".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Accusarello al via...

  • Spero che NON si ritiri dalla corsa elettorale. A me spiace dirlo, e per onestà intellettuale devo precisare che non ho assolutamente elementi concreti a riscontro di questa mia idea...ma comunque trovo QUANTOMAI SOSPETTO che queste notizie escano fuori quasi sempre nel corso di campagne elettorali. Mi ricordo bene (tra gli altri) il caso di ferrandelli, che se non sbaglio fu indagato x le stesse ragioni di Tripoli. Com'è finita la vicenda? Ad ogni modo, al momento Tripoli non è colpevole di nulla. Una accusa non rende un uomo colpevole, grazie al cielo. Quindi, le accuse delle autorità inquirenti non sono la verità rilevata. Altrimenti ci troveremmo nella URSS. Queste sono osservazioni banali, ma è sempre meglio ricordare certe cose a beneficio dei pochi non ancora del tutto rinco...oniti dal virus giustizialista.

  • Come dire il nuovo che avanza.... Povera baaria.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Falcone, i ragazzi e una città che non dimentica: Palermo celebra un altro 23 maggio

  • Cronaca

    Salvini incontra la prof sospesa: "Stiamo lavorando perchè tutto torni a posto"

  • Cronaca

    Il monito di Maria Falcone: "23 maggio sia festa di unità nazionale contro la mafia"

  • Cronaca

    Salvini dai "suoi" poliziotti alla Lungaro, pranzo in mensa col figlio di Montinaro

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Travolto da una moto in via Notarbartolo: il cuore si ferma, salvato da due passanti

  • La droga "calabrese" venduta a Palermo, i nomi degli arrestati

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • Circoscrizioni a Palermo, gli indirizzi e i recapiti delle otto zone della città

Torna su
PalermoToday è in caricamento