"Basta volantinaggio": appello del Comune ai centri commerciali

Gli assessori alle Società partecipate, Iolanda Riolo e allo Sviluppo economico e Decoro urbano, Sergio Marino, hanno inviato una lettera ai responsabili delle attività chiedendo "collaborazione"

Foto archivio

"Basta volantinaggio, si cerchino sistemi alternativi per fare pubblicità". E' l'appello che gli assessori alle Società partecipate, Iolanda Riolo, e allo Sviluppo economico e Decoro urbano, Sergio Marino, rivolgono ai centri commerciali cittadini. I due esponenti della Giunta Orlando hanno scritto una lettera ai gestori dei centri commerciali "affinché adottino sistemi alternativi per la pubblicità e la comunicazione, al fine di contrastare il fenomeno del volantinaggio abusivo". 
 
“Il Regolamento sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni - è l’incipit della missiva –  prevede l’autorizzazione al volantinaggio nella Città di Palermo. Purtroppo  avviene che, nella maggior parte dei casi, tale attività non solo non è autorizzata, ma dopo il loro utilizzo questi non vengono depositati dai cittadini negli appositi contenitori per i rifiuti, imbrattando le vie in cui viene effettuata l'attività di volantinaggio. Compito di questa Amministrazione – continuano Riolo e Marino - è anche quello di garantire un'immagine di cura e decoro della città soprattutto in quei siti ad alta densità pedonale e di maggior pregio storico che, in quanto tali, maggiormente concorrono alla creazione dell'immagine di una città ad alta vocazione storico-turistica. Si consideri altresì che la tutela e il miglioramento del decoro urbano rappresentano per l'amministrazione comunale un obiettivo prioritario, al fine di salvaguardare l'immagine della città, l'ambiente e la salute pubblica e che il raggiungimento di una migliore qualità ambientale non può prescindere da un'azione di sensibilizzazione per contenere il degrado ambientale (e di un inutile aggravio di lavoro per chi è deputato alla raccolta dei rifiuti ed allo spazzamento delle strade). Tale situazione – sottolineano Riolo e Marino - molto spesso, a causa delle avverse condizioni atmosferiche (vento, pioggia) si acuisce poiché l'ammasso di carta costituito dal materiale pubblicitario si consuma e deteriora disperdendosi nell'ambiente sotto forma di rifiuto indifferenziato, con ulteriore aggravio di costi e di energie per la raccolta e lo smaltimento, con la conseguenza più visibile di degenerazione dell'ambiente circostante e quindi del decoro urbano".

"Si ritiene - concludono Riolo e Marino - che vorrete condividere lo spirito di questa nota mirata a contenere gli effetti, senza alcun dubbio negativi per l'immagine della città anche a livello turistico. Si rende, quindi, necessario adottare adeguati provvedimenti, al fine di combattere un fenomeno negativo diffuso nella città, perché svolto in violazione dei principi di corretta igiene ambientale, di responsabilizzazione e di cooperazione tra tutti i soggetti coinvolti nella distribuzione. Precisando che il volantinaggio può essere eseguito solo dopo autorizzazione del servizio pubblicità del Suap in ossequio agli articoli del regolamento sulla Pubblicità e sulle Pubbliche affissioni  e che  il volantinaggio abusivo è sottoposto ad azione di repressione e controllo con la presente si vuole confidare  - auspicano Riolo e Marino - sulla sensibilità di codesti centri commerciali per i temi della vivibilità e del decoro urbano affinché si adottino sistemi alternativi per la comunicazione e la pubblicità che sono più rispettosi del decoro urbano e dell’ambiente".

Intanto continuada parte della polizia municipale l’attività di controllo sul fronte del volantinaggio abusivo; la settimana scorsa gli agenti del nucleo controllo pubblicità hanno elevato 9 sanzioni da 412 euro ciascuna, comminati sia per la distribuzione di volantini pubblicitari senza preventiva autorizzazione comunale che per l’apposizione degli stessi nelle autovetture in sosta. 

La distribuzione di volantini pubblicitari senza autorizzazione è stata accertata in via Ruggero Settimo all’altezza di via Di Stefano, dove la sanzione da 412 euro, è stata notificata alla persona che se ne stava sul marciapiedi a fare volantinaggio non autorizzato e contestualmente alla ditta committente, oggetto della pubblicità. 

"La distribuzione e l’apposizione di volantini nei tergicristalli delle autovetture - si legge in una nota del Comune - è stata invece riscontrata in alcune vie del centro cittadino, in via Messina, nel tratto compreso da via Libertà a via Villafranca, in via E. Parisi nel tratto da via Libertà a via Villafranca, in via XX Settembre nel tratto da via XII Gennaio a via Parisi e dalla parte opposta della città, in via Ausonia nel tratto da via Emilia a via Val di Mazara. In via XX Settembre e in via Ausonia le violazioni sono state contestate ai rispettivi titolari delle ditte pubblicizzate, con sede l’una in via Turrisi, l’altra in via Napoli. I volantini pubblicitari non sempre sono graditi dai cittadini, soprattutto la loro apposizione sotto i tergicristalli delle auto è oggetto di numerose segnalazioni pervenute al Comando di via Dogali, riferendosi n certi casi, anche alla carta e agli inchiostri usati che soprattutto quando piove lasciano segni sulla carrozzeria delle auto o stingono i colori sul parabrezza, macchiandolo". 

Nell’ultimo mese intanto si è registrata un'impennata di richieste al Suap per il rilascio dell’autorizzazione comunale alla pubblicità realizzata mediante la distribuzione a mano di manifestini e volantini. Per la distribuzione di volantini il divieto è disposto in via della Libertà, in via Roma, via Cavour, via Ruggero Settimo, piazza Castelnuovo, piazza Ruggero Settimo, via Maqueda, piazza Bologni, piazza Bonanno, piazza Croci, piazza Don Sturzo, piazza Indipendenza, piazza Marina, piazza Mordini, piazza Pretoria, piazza S. Domenico e piazza Verdi, "per garantire un'immagine di cura e decoro della città nelle aree pedonale e nei siti di maggior pregio storico che concorrono all'immagine di una città ad alta vocazione storico-turistica".
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Vergogna..Pagano gli onesti che con i volantini ci campano, da chi li stampa a chi li distribuisce. Gli incivili che li buttano per terra invece in questa citta' ferma nel medioevo, rimangono impuniti. A questo punto, allo stesso modo in cui si agisce contro questo fenomeno, bisogna agire anche contro chi rende sporca la nostra città, visto che il problema non sono solo i volantini. Quindi questi assessori dovrebbe dimettersi in quanto inetti e incapaci contro il grave fenomeno dell'incivilta!

  • Copio e incollo: „Compito di questa Amministrazione – continuano Riolo e Marino - è anche quello di garantire un'immagine di cura e decoro della città “ Ecco perché paghiamo la tassa sulla spazzatura! Che servizio!  

  • Basta denunciare il proprietario del negozio.....le norme ci sono,basta applicarle....come sempre.

    • Qualcosa non torna..Denunciare chi si pubblicizza con i volantini o chi invece li butta per terra? Le norme ci sono, appunto, e sai quante multe meriterebbero i tanti incivili?

  • Quindi basta pagare per eliminare l'inquinamento, un po' come per la ZTL. PER GARANTIRE UN'IMMAGINE DI CURA E DECORO DELLA CITTÀ!!!!

  • Avatar anonimo di tony
    tony

    Al nord italia  i contenitori dei volantini dei palazzi sono all'interno delle portinerie vicino agli ascenzori,,,,,,a palermo sono stati installati tutti fuori in strada x questo che la citta' e' piena.

  • Vieni a Carini e trovi autotreni di lettiere per cani.........

  • Finalmente

  • Quindi da quello che ho capito è solo una questione di soldi.. Diciamo come la ZTL... Se pagano le autorizzazioni al comune possono fare tranquillamente volantinaggio pure dentro il santuario di santa Rosalia... Se non pagano...sporcano e danneggiano quelle quattro cose decadenti e fraciche patrimonio dell' unesco.. Caro sindaco e company non vi smentite mai.. In testa avete stampato soltanto carte da 500 euro... Ridicoli..!!

  • Avatar anonimo di forst80
    forst80

    Noooooooooooooo ed io come faccio x la letiera del cane 

    • Prima dovrebbe comprare un vocabolario.

    • Comprati i sacchetti adatti.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Ci hanno aggredito mentre andavamo a ritirare il diploma", la denuncia di due giovani migranti

  • Sport

    Via al processo per il caso Parma, procura chiederà sanzioni dure: il Palermo alla finestra

  • Politica

    Disabili, scintille Musumeci-Faraone: "Risolviamo danni Pd", "Non la butti in politica"

  • Cronaca

    Operata per dimagrire, muore dopo calvario di 45 giorni: il marito presenta denuncia

I più letti della settimana

  • Morta la tredicenne trascinata in mare a Isola delle Femmine

  • Rissa alla piscina comunale, moglie aggredisce presunta amante del marito

  • Mafia, 28 arresti e sequestri per milioni di euro: fermato il "tesoriere" di Cosa nostra

  • Tragedia in via Di Marco, esplode bombola da sub: morto un 54enne

  • Tragedia sfiorata nel mare di Trappeto, soccorse 2 ragazzine che rischiano di annegare

  • Mafia, "Operazione Delirio": i nomi degli arrestati e la lista dei beni sequestrati

Torna su
PalermoToday è in caricamento