Follia sull'autobus in viale Strasburgo, autista aggredito dal "branco": è grave

Il conducente, raggiunto da una raffica di calci e pugni, è stato soccorso e portato a Villa Sofia in codice rosso. Sull'episodio indagano i carabinieri. Il sindaco Orlando: "Atto di violenza barbara che non può avere né giustificazioni né motivazioni logiche"

Il pronto soccorso di Villa Sofia

Quello che doveva essere un normale giorno di lavoro si è trasformato in un incubo per un autista dell'Amat, aggredito da un gruppo di ragazzi durante il turno. L'episodio è accaduto in viale Strasburgo, alla fermata di Villa Adriana. Il "branco" si è avventato contro l'uomo, colpendolo con calci e pugni, per poi fuggire. Cosa abbia scatenato tanta violenza è ancora da accertare.

A dare l'allarme sono stati gli altri passeggeri, testimoni della scena. Non è chiaro se i ragazzi, prima di avventarsi contro l'uomo, abbiano tamponato il mezzo. Il conducente è stato soccorso e portato a Villa Sofia in codice rosso. Secondo le prime informazioni, ha un serio trauma cranico e i medici hanno disposto una serie di accertamenti più approfonditi temendo lesioni interne. I carabinieri hanno sentito la vittima e hanno avviato le indagini.

"Un atto di violenza barbara che non può avere né giustificazioni né motivazioni logiche - commenta il sindaco Leoluca Orlando -. Sono grato ai carabinieri e ai sanitari del 118 per il pronto intervento e mi auguro che si possa quanto prima individuare gli autori di questo pestaggio e assicurarli alla giustizia".

In ospedale, per informarsi delle condizioni dell'autista, è giunto anche Michele Cimino, amministratore unico dell'Amat. Carlo Cataldi, coordinatore regionale Cobas settore Trasporti, esprime "solidarietà al collega, vittima di un gesto violento e vigliacco da parte di teppisti che meritano una punizione esemplare".

Solidarietà all'autista dell'Amat anche da Toni Sala, capogruppo di Palermo 2022 in Consiglio comunale, che parla di "episodio di violenza inaccettabile, su cui chiediamo che le autorità facciano subito luce per punire in modo esemplare i colpevoli. Non è pensabile che un lavoratore, che svolge un servizio per la città, sia oggetto di tanta barbara ferocia. Purtroppo non è il primo caso di questo tipo, ecco perché chiediamo che Amat aumenti la sicurezza sui mezzi a tutela dei dipendenti e degli utenti". 

"Solidarietà e indignazione" da parte di Sicilia Futura, con il capogruppo Gianluca Inzerillo che aggiunge: "Si tratta di un atto di violenza inaccettabile, questi comportamenti meritano punizioni esemplari. Bisogna avere rispetto del prossimo e soprattutto di chi svolge un servizio pubblico per la collettività. Questo episodio deve far riflettere sulla necessità di aumentare la sicurezza sui bus al fine di tutelare l’incolumità di autisti e passeggeri".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (55)

  • Perché è sceso dal mezzo?

  • questi giovani,dell'era digitale sono troppo violenti ,aggressivi,come ricorda Giacomo Sopra bisogna abbassare l'età x punirli come si meritano sono dei terroristi (poi magari si scopre che sono figli di papà).resta il fatto che la legge non c'è.poi si scopre che vivono in un ambiente familiare ostile senza AMORE.

  • fortunati a non aver trovato un mio parente autista,vi assicuro che li sfondata tutti e sei, garantito...branco fortunato.....ma Okkio, "non tutti i muri sunnu vasci".....statevi accorti

    • Action Man

  • punizione esemplare con ste leggi da circo mah

  • bisogna abbassare l età per punire questi giovani privi di ogni codice morale

  • i ragazzini di oggi in gruppo si sentono onnipotenti .. poi se li incontri soli 1 per volte scappano... sicuramente l autista il giorno precedente non li ha fatti salire oppure si sono sentiti indespettiti da qualcosa ed essendo magari sempre lo stesso autista di turno , si sono organizzati e hanno fatto quest'azione ingiustificabile qualunque cosa possa aver fatto ... purtroppo a Palermo ormai non c'e più nessuno che fà rispettare leggi, mettere la pena di morte come negli Stati Uniti e vediamo se non ci pensano prima di fare qualsiasi cosa , ovviamente vale per casi più gravi , adesso qui chiunque fà come vuole , uccide ,violenta, stuprano, rapiscono.. e anche se li prendono che fanno? l indomani fuori o al massimo un paio di mesi! ma per favore siamo nel 2019 ... meglio gli anni dei templari almeno chi sbagliava decapitazione e impiccato!

  • cresce la baby criminalita' mentre stiamo a guardare impotenti, e nessuno delle autorita' prende provvedimenti in merito. Ieri sera mi sono visto piombare contro la mia auto un ragazzino di circa 10 anni spinto da un suo coetaneo, abbasso il finestrino e rimprovero verbalmente ed educatamente il branco dicendo che questi giochi sono pericolosi e non devono essere fatti, in risposta ho ricevuto calci all' auto e parolacce indescrivibili. Se i loro genitori non sono all'altezza di educarli (infatti nn lo sono, anzi crescono a loro immagine e somiglianza) bisogberebbe sottrarli e rinchiuderli in colleggi educativi, per il bene loro e dell'intera comunita'

  • Evidentemente vengono dalle caverne!! Ma tanto che punizione avranno la galera!! se la sognano!! a 2 gg sono fuori. BASTARDI

  • Propenderei per la presenza, nel bus, del bigliettaio, magari armato!

  • mi fanno ridere questi gesti di solidarietà, sono parole ke volano via,pena di morte immediata senza processi ed appelli.

  • Un tempo sugli autobus c'erano i bigliettai.... Che oltre a fare pagare il biglietto assicurava o un po' di ordine, adesso ci vorrebbe una guardia giurata...

  • Non si può rischiare la vita per lavorare!

  • Invece gli ipocriti!

  • Diamo i taser alla Polizia Municipalr

  • Purtroppo Palermo è ormai paragonabile ad una giungla, dove vige la legge della prepotenza e dell'arroganza. Le bestie autrici dell'aggressione sono esseri senza dignità che meritano di stare in gabbia, tra i loro simili. Auguro una pronta guarigione all'autista e spero che gli autori dell'aggressione vengano al più presto individuati ed arrestati!

  • Avatar anonimo di Salvo
    Salvo

    La "punizione" deve essere esemplarie, siamo un senso a questa giustizia 

  • allucinante schifosi

  • ma poi. gli altri passeggeri nonnsono riusciti a far nulla..bhuuuu

  • Avatar anonimo di DAVIDE
    DAVIDE

    ""palermo amara"" ... ""palermo come beirut "" scriveva tanti anni fa un giornale . . . forse colpa di Internet??? a cosa arriveremo??..

  • branco!!!branco di teste di @@@@@

  • Uno va a lavorare e per colpa di attaccabrighe rischia la vita. Non è modo di lavorare in sicurezza

    • Be'... qui siamo ben oltre le problematiche donnesse alla sicurezza sul lavoro. Questa è delinquenza di bassa lega, teppismo della peggior specie. E considerato che è impossibile che un gruppo di persone che pesta, tutti insieme, una sola persona abbia il controllo sull'entità dei danni che sta provocando, sarebbe anche tentato omicidio...

  • Il sindaco vive in un’altra città!! Città di violenza e degrado !

    • Comunicazione di servizio. Quest'anno tutti i reati sono in calo.

      • Ok. Giuseppe Mattina.

    • Avatar anonimo di Riccardo
      Riccardo

      Ma che c'entra il sindaco. Non l'ha data mica lui l'educazione a questi balord!!!  

    • Non è colpa del sindaco. Abbiamo il potere di cambiarlo nelle prossime elezioni. Ma il popolo resta sempre quello che è, e non cambierà mai. Quindi se a 15 anni sono già dei delinquenti lo saranno sempre.

      • Il sindaco ha la colpa di non salire sui bus la sera, di non passeggiare sui marciapiedi scassati o per le strade buie di tanti quartieri paurosi, di non andare in bicicletta sulle strisce disegnate tra la gente che cammina, di non VOLER sentire per anni la puzza dell’immondizia sotto casa di chi paga la TARI... Ma ad ogni occasione di una foto sul giornale COMPÁRE, DICE LA FRASETTA DI CONDANNA e scompare, protetto dai vassalli. Questa COLPA é l’origine dell’infelicitá dei palermitani onesti, con i quali LUI non condivide NULLA.

        • Avatar anonimo di Riccardo
          Riccardo

          Ok tutto vero e sono d'accordo ma l'educazione non si nomina con i voti e con le elezioni. I vigliacchi incivili ci sono e ci sono pure pene troppo leggere. Li prendono oggi e domani sono fuori e tutto come prima. 

      • Esatto

  • solidarietà all'autista dell'amat,spero in una punizione esemplare...ormai chiunque usa la violenza con leggerezza....

  • Ma Gli Autobus anno una Telecamera interna. e poi una strada cosi Trafficata nemmeno una Pattuglia che Transitava avevano istituito Vigikahres A Bordo Metete i Militari

  • dovrebbero arrestare i magistrati che poi li lasciano liberi

    • dovremmo chiedere la giuria popolare via i magistrati

  • Tossici

  • pistole elettriche per gli autisti e bigliettai

  • Avatar anonimo di Salvo
    Salvo

    Sindaco questa solidarietà e ipocrisia... la città della cultura e della società anonima...grazie x la sua collaborazione 

  • qualsiasi razza qualsiasi quartiere qualsiasi eta' pene severissime senza pieta'

    • Frustiamoli a sangue.

  • Avatar anonimo di Klauss
    Klauss

    Il Dott Orlando dice “ speriamo siano assicurati alla giustizia “ ma quale giustizia? Quest uomo ha 70 anni ma sembra nato ieri..mah

Commenti meno recenti

Notizie di oggi

  • Video

    Il caso Biondo a Le Iene, il mistero del colpo in testa e dei tweet prima del ritrovamento | VIDEO

  • Politica

    Ex Province, l'assessore Grasso vola a Roma: "Date alla Sicilia le stesse risorse delle altre Regioni”

  • Politica

    Strade e ferrovie nell'Isola? Poche e malridotte: così i siciliani vedono "due Italie"

  • Cronaca

    Termini, gli operai Blutec tornano in piazza: "Vogliamo certezze per il futuro"

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento