Crolla cornicione della scuola Savio, M5S: "Edificio inagibile", Arcuri: "Squallida fake news"

Lezioni immediatamente sospese per la messa in sicurezza. Episodio reso noto dal Movimento Cinque Stelle: “L’amministrazione Orlando non può continuare a sfidare la sorte, per inerzia e incapacità". La replica: "Creano allarmi o peggio inventano notizie per cercare di screditare chi fa il proprio dovere"

La scuola dopo il crollo di parte dei cornicione

Inizia nel peggiore dei modi l'anno alla scuola Savio di viale Resurrezione, sede distaccata della primaria Siragusa: è crollato parte del cornicione e le lezioni sono state immediatamente sospese per la messa in sicurezza dell’edificio. A rendere noto l'episodio è il Movimento Cinque Stelle, che attacca: “L’amministrazione Orlando non può continuare a sfidare la sorte, per inerzia e incapacità, soprattutto se di mezzo ci sono dei bambini”. Ma il fatto è diventato anche motivo di contesa politica. L'assessore Emilio Arcuri smentisce infatti i pentastellati: "Si è davvero raggiunto un massimo di gravità, con la diffusione di notizie allarmistiche oltre che fasulle e, soprattutto, che tirano in ballo i Vigili del Fuoco attribuendo loro interventi mai effettuati".

Nel comunicato del Movimento si spiegava che "dopo l’intervento dei vigili del fuoco, la scuola è stata dichiarata inagibile". Una "fake news" per Arcuri.

“Il M5S dal suo insediamento a Palazzo delle Aquile chiede di ricevere informazioni puntuali sui collaudi e la messa a norma di tutti gli edifici scolastici, richiesta che però rimane inascoltata da oltre un anno - si legge nella nota del consigliere comunale Viviana Lo Monaco e del portavoce della VII circoscrizione Giovanni Galioto, sul posto per un sopralluogo - Adesso presenteremo una richiesta di accesso agli atti per verificare eventuali inadempienze da parte dell’amministrazione. Chiederemo all’asssessore al ramo e ai dirigenti, quello comunale e quello scolastico, di produrre copia di tutte le segnalazioni inviate e ricevute, dei verbali dei sopralluoghi effettuati dai tecnici, nonché l'elenco di tutte le azioni di monitoraggio predisposte da chi ha l’obbligo di vigilare sulla sicurezza dei nostri bambini”.

Secondo quanto spiegano i pentastellati "adesso i circa 200 alunni dell'istituto dovranno trovare una sede alternativa e poi cominciare dei turni pomeridiani. Oggi siamo stati fortunati, ma poteva essere una tragedia. Quanto tempo passerà prima che l’Amministrazione si renda conto che con la vita non si scherza?”.

Dura la replica di Arcuri: "Ancora una volta, come sempre più spesso avviene in questi ultimi giorni, esponenti del Movimento 5 Stelle di Palermo spiccano per la diffusione di clamorose notizie false tramite i propri uffici stampa e le pagine Facebook divenute pure e semplici dispensatrici di fake news. Oggi però si è davvero raggiunto un massimo di gravità, con la diffusione di notizie allarmistiche oltre che fasulle e, soprattutto, che tirano in ballo i vigili del fuoco attribuendo loro interventi mai effettuati". 

"La realtà dei fatti - spiega Arcuri è ben diversa ed è semplicemente la prova di come, mentre Palermo e tante altre città attendono dallo
Stato i fondi per interventi strutturali legati alla sicurezza, nella nostra città si è attivato un efficace sistema di pronto intervento
ogni qualvolta vi sono le semplici avvisaglie di un pericolo: giovedì  mattina la dirigente scolastica dell'istituto, usufruendo del
Call-Center messo a disposizione dall'amministrazione e attivo 7 giorni su 7, ha segnalato 'il distacco di alcuni frammenti', fatto
questo che effettivamente poteva far presagire un rischio imminente. I tecnici comunali hanno fatto in poche ore per le verifiche e già
venerdì mattina la ditta incaricata dal Comune è intervenuta per la messa in sicurezza, come testimoniato dalle foto allegate alla
relazione tecnica. Nessun intervento è stato effettuato dai vigili del fuoco, che, interpellati stamattina, hanno negato che di essersi recati presso l'Istituto né, tantomeno, di averlo dichiarato inagibile. Il comunicato diffuso stamattina se non costituisce reato c'è certamente andato molto vicino".

Per Arcuri "il Movimento 5 Stelle cerca e crea ogni occasione per distrarre l’attenzione dei cittadini, che si chiedono dove siano
finite le tanto sbandierate promesse che hanno portato quel partito al governo del Paese. E quindi non resta loro altro da fare che inondare di esposti la Procura della Repubblica, la Corte dei Conti e le redazioni, amplificando i problemi, creando allarmi o peggio inventare notizie per cercare di screditare chi  fa il proprio dovere. Ci auguriamo - conclude l'assessore - che nel fare questo squallido
gioco politico che non esita a tirare in ballo i vigili del fuoco e la loro professionalità, i Cinque Stelle non trovino sponde istituzionali
di funzionari e dirigenti che dovrebbero tenere tutt’altro atteggiamento".

I numeri foniti dal Comune

Il sistema di pronto intervento per le manutenzioni scolastiche e la messa in sicurezza è stato implementato dall'Amministrazione a partire da dicembre del 2016. Questo prevede che i dirigenti delle scuole possano fruire di un callcenter telefonico, oltre che di una email dedicata, per la segnalazione tempestiva di potenziali situazioni di pericolo, quali parti pericolanti di intonaci e murature e ogni qualsivoglia sospetto di rischio per la pubblica incolumità. Il servizio è però attivo per tutte le tipologie di piccole-medie manutenzioni, comprese per esempio quelle alle serrature o alle prese elettriche. Il primo appalto, dell'importo di circa 1,7 milioni di euro, riguardava tutta la città e ha esaurito i fondi disponibili nel corso del 2018. Oltre a una serie di interventi di manutenzione ordinaria, sono stati circa 300 gli interventi "su chiamata" eseguiti. Da pochi giorni sono stati sottoscritti due nuovi contratti, questa volta distinti fra due macro-aree della città (Sud, Circoscrizioni dalla I alla IV - Nord, dalla V alla VIII), ciascuno per un importo pari a circa 1,5 milioni. Anche in questo caso, i dirigenti scolastici hanno a disposizione un numero telefonico ed un indirizzo email dedicato per la segnalazione degli interventi urgenti.

"Questo sistema - spiega l'assessore Arcuri - che è realizzato con fondi comunali, rende possibili interventi tempestivi, come avvenuto
proprio nel caso della scuola Savio e allo stesso tempo ha permesso che le strutture comunali quali il Coime e l'Amg concentrassero le proprie risorse su altre tipologie di lavori e interventi. In aggiunta a questi interventi programmati e in corso, abbiamo redatto un programa da 90 milioni che riguarda 25 scuole cittadine, per il quale attendiamo lo stanziamento dei fondi dal governo nazionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso a Palermo: turista di Bergamo è positiva

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Coronavirus, gli spostamenti della turista bergamasca: "Ha girato per Palermo, indagini su dove è stata"

  • Coronavirus a Palermo, i contagiati tra i turisti bergamaschi salgono a tre

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento