Punta pistola alla tempia di un impiegato e rapina gelateria in via Messina Marine, arrestato

La polizia ha fatto scattare le manette ai polsi di un uomo di 42 anni, residente allo Zen. Parte della targa dell'auto guidata dal malvivente era stata inquadrata dalla telecamera di sorveglianza del locale, dato fondamentale per le indagini

Con una pistola in pugno e il volto coperto rapina una gelateria in via Messina Marine, puntando l'arma alla tempia di un impiegato. Ma la polizia lo rintraccia, grazie anche alle immagini della telecamere di sorveglianza dell'esercizio commerciale, e lo arresta. Le manette sono scattate ai polsi di Giacinto Grimaldi, 42 anni, dello Zen. E' accusato di rapina a mano armata.

Un colpo, dicono gli inquirenti, "veloce e violento" consumato a tarda serata. Secondo la ricostruzione della polizia, l'uomo è arrivato alla guida di un'auto. Ha superato di qualche metro la gelateria e ha fatto retromarcia. Poi, con una borsa a tracolla, è sceso dalla vettura e ha indossato uno scaldacollo per coprire il volto. Una volta nell'esercizio commerciale ha spintonato l’anziana titolare e si è diretto verso la cassa tenendo in mano una rivoltella. Poi ha puntato l'arma alla tempia di un impiegato e ha svuotato la cassa. Poi è fuggito con l'auto.

I "falchi” della squadra mobile hanno visionato le immagini del sistema di sicurezza e hanno rintracciato il 42enne, recuperando anche lo scaldacollo indossato per il colpo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Palermo dove trovare sconti e fare affari

Torna su
PalermoToday è in caricamento