Piazza 40 Martiri, cancellate le indicazioni in arabo e ebraico: "Atto grave"

A denunciare il fatto è Sos Ballarò che annuncia una immediata risposta per rendere chiaro che questo tipo di gesti non hanno e non avranno mai cittadinanza a Palermo

Cancellate a piazza Santissimi 40 Martiri e in via dei Santissimi 40 Martiri le indicazioni dei nomi delle vie in arabo e in ebraico che accompagnavano quelle in italiano. Siamo nel pieno centro storico, a pochi metri dal centro Astalli, storico luogo di accoglienza per migranti. A denunciare il "grave atto rivolto a chi in questo quartiere e in questa città si occupa quotidianamente di accoglienza e a chi continua a credere nella ricchezza di una identità multiculturale che appartiene da secoli alla nostra città" è Sos Ballarò. L'associazione annuncia una risposta immediata per rendere chiaro che questo tipo di gesti non hanno e non avranno mai cittadinanza a Palermo: "Questo gesto di profonda ignoranza non può passare inosservato".

"Si è trattato con tutta evidenza – ha detto il sindaco Leoluca Orlando - non di un semplice atto vandalico ma di un gesto razzista, ancora più grave perché avvenuto in un luogo che più di altri simboleggia la vocazione accogliente e interculturale della nostra città. Sono comunque contento della pronta e giusta reazione di  tutti coloro, singoli e associazioni, che lavorano nel centro storico mettendo in pratica quegli ideali di accoglienza e scambio interculturale”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Incidente a Terrasini, scontro auto-moto: morto 38enne, grave una donna

  • Pestato durante una lite con la moglie, 41enne muore al Civico

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • "Addio Lando": è morto il proprietario del Break

Torna su
PalermoToday è in caricamento