"Knockout game" in via Maqueda: 28enne picchiato in strada senza un perché

Il giovane è stato affrontato da tre persone che lo hanno pestato senza un vero motivo. Poi è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Buccheri La Ferla. L'episodio segue di poche ore l'aggressione al medico nella zona della Vucciria. Indaga la polizia

I pugni sono arrivati all'improvviso. In mezzo alla strada. Ancora violenza, riesplode l'incubo del cosiddetto "knockout game", un gioco assurdo. E' successo sabato notte in via Maqueda: un giovane di 28 anni è stato affrontato da tre persone che lo hanno picchiato senza un vero motivo. Il giovane è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Buccheri La Ferla. Indaga la polizia che sta cercando di trovare immagini utili per identificare i responsabili.

Vucciria, medico preso a pugni

Un'aggressione senza una apparente ragione. Si tratta di una moda made in Usa, ma che è già arrivata in altra città italiana e che consiste nel prendere a pugni senza motivo gli sconosciuti. Gli aggressori poi svaniscono nel nulla, così come si erano materializzati. Senza rubare né il cellulare, né il portafogli del malcapitato, che viene massacrato selvaggiamente.

Il ragazzo, rimasto sotto shock, ha poi deciso di sporgere denuncia alla polizia. Come ha fatto Rosario Iacobucci, 29 anni, medico dell’ospedale Cervello: venerdì notte era con la fidanzata in via Maccheronai, tra piazza Caracciolo e piazza San Domenico, quando è stato colpito con un pugno in pieno viso da uno sconosciuto che si è subito dileguato. Dinamiche apparentemente simili.

Episodi definiti anomali anche dalla polizia. In effetti le regole di quello che chiamano knockout game sono semplici e folli: bisogna colpire con un pugno in faccia i malcapitati scelti a casaccio. E possibilmente farlo in un luogo pieno di gente in modo da dare più visibilità allo spettacolo. Poi, dopo il pugno in faccia, la fuga "col sorriso in bocca". Quasi a rendere surreale il più illogico e temuto dei giochi.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

  • Residenti svegliati da urla e schiamazzi: "C'è una rissa", polizia piomba in via Candelai

  • Autista del 118 offre lavoro in cambio di soldi, poliziotti si appostano al bar e lo arrestano

Torna su
PalermoToday è in caricamento