Il lavoro da gommista e i sogni da numero 10, i compagni ricordano l'amico Camarà

Il diciottenne morto in via Ugo la Malfa si allenava con la squadra di calcio Asd Delfini sporting Arenella. Nell'ultimo messaggio inviato, tutto l'attaccamento per la maglia. Il ricordo del mister: "Un semplice ragazzo partito dal Senegal, resterà nel cuore di tutti"

Ogni mattina si alzava e raggiungeva l'officina dove lavorava, la sera indossava le scarpette con i tacchetti, si allenava con i compagni della Asd Delfini sporting Arenella e aspettava il tesseramento ufficiale per potere reaizzare il suo sogno: quello di diventare un campione di calcio. Una speranza che si è infranta per sempre ieri mattina quando l'esplosione della ruota di un mezzo agricolo in riparazione lo ha ucciso. Gli amici e i compagni di squadra sui social ricordano Alaenj Camarà.

Esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

Per farlo hanno pubblicato sulla pagina Facebook della squadra di calcio dilettantistica l'ultimo messaggio che il giovane aveva scritto: poche righe che condensano un mondo intero, fatto di passione per il calcio e aspirazioni per il futuro. Prima di tutto quella di potere giocare ufficialmente, per il tesseramento degli stranieri infatti si deve completare un iter burocratico e quello di Camarà ancora non si era chiuso. 

wpp delfini-2"Questo  - scrive il mister Giovanni Busalacchi - è l'ultimo messaggio un un semplice ragazzo partito dal Senegal per inseguire un sogno: quello di diventare un buon giocatore e lavorare onestamente per mantenersi !!! Quando arrivò da noi ha subito dimostrato entusiasmo e voglia di far parte delle nostra squadra. Entusiasmo dedizione educazione queste le doti migliori di questo giovane diciottenne che è entrato subito nel cuore di tutti noi. La notizia della sua scomparsa mi ha sconvolto ci ha sconvolto. Siamo increduli di fronte a notizie del genere!!! Per me è stato un onore essere stato il tuo mister anche se per pochi mesi...ma sono bastate poche settimane per capire che eri un ragazzo per bene!!! Camará non ti dimenticherò...sei e resterei per sempre nel cuore di tutti noi e della società Delfini".

"La vita è ingiusta - scrive un compagno di squadra - porta via sempre le persone migliori. Stasera ci saremmo dovuti allenare insieme, come ogni mercoledì, e invece non potrai esserci perché sei volato via. Quanto ci divertivamo a scherzare e prenderci in giro, a dirci 'sei un cornuto'. Eri sempre presente a ogni allenamento, sempre con il sorriso, sempre felice e rendevi felice chi ti stava intorno. A solo 18 anni sei volato via. Venuto dal Senegal lavoravi per poterti mantenere, sei stato un compagno fantastico, è stato un piacere essere un tuo amico, e soprattutto un fratello, ti vorrò sempre bene io e tutti i tuoi compagni non ti dimenticheremo mai. Spero che da lassù apprezzerai che nonostante la tua scomparsa, noi abbiamo deciso che domenica saremo in campo soprattutto per te! Per regalarti la vittoria, che infondo era quello che volevi che noi vincessimo...Ciao camarà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Francesco Benigno in tv: "Mio padre mi legava con le catene, ho dormito dappertutto"

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento