Stelle di Natale, piante e addobbi: denunciati 3 venditori per occupazione abusiva

Controlli dei vigili in viale Regione Siciliana (sotto il ponte Brasa), via Campolo e via Basile: qua una donna di 38 anni si era "insediata" abusivamente occupando 165 metri quadrati in più rispetto a quelli per cui era autorizzata

Nell’ambito dei controlli predisposti dal comandante Gabriele Marchese al contrasto all’abusivismo commerciale, gli agenti del nucleo controlli commercio su area pubblica hanno denunciato tre venditori: uno in viale Regione Siciliana (sotto il ponte Brasa) per occupazione abusiva di suolo pubblico ed altri due rispettivamente in via Campolo ed in via Ernesto Basile per "eccedenza di metri quadrati occupati rispetto a quello che consentiva l'autorizzazione ottenuta".

In viale Regione Siciliana, sotto il ponte Brasa un venditore di piante natalizie - si tratta di un giovane di 23 anni - occupava abusivamente 20 metri quadrati di suolo pubblico con 34 stelle di Natale e 25 ciclamini. Gli agenti hanno denunciato l’uomo per occupazione abusiva di suolo pubblico e devoluto le piante in beneficenza ad istituti di accoglienza.

"In via Campolo - spiegano dal comando di via Dogali - è stato pizzicato un uomo che era autorizzato alla vendita di addobbi natalizi per 92 metri quadrati, e invece ne occupava in realtà 228. E’ stato segnalato all’autorità giudiziaria per aver invaso un’area pubblica e per gli abusi edilizi eseguiti, in quanto i gazebo che utilizzava per l’esposizione della merce, erano affissi al suolo in modo permanente. Stessa sorte per una donna di 38 anni che in via Ernesto Basile occupava abusivamente ancora con addobbi natalizi 165 metri quadrati in più rispetto a quelli autorizzati, utilizzando costruzioni affisse al suolo. I controlli - dicono dalla polizia municipale - continueranno senza soste nei prossimi giorni a tutela delle attività in regola e del consumatore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento