Palermo, ex società chiede concordato preventivo per evitare il fallimento

L'Us Città di Palermo ha avanzato formale proposta alla quarta sezione civile del Tribunale. Il collegio presieduto da Gabriella Giammona si pronuncerà nel merito nei prossimi giorni

La vecchia proprietà del Palermo

Una proposta di concordato preventivo. Così l'Unione Sportiva Città di Palermo, la precedente società proprietaria della squadra di calcio rosanero cancellata dai quadri federali a luglio, prova a evitare il fallimento e le conseguenze ben più gravi dal punto di vista penale della bancarotta fraudolenta. All'udienza di stamani davanti alla quarta sezione civile del tribunale di Palermo  il vecchio club era rappresentato dall'avvocato Antonio Atria che ha proposto il concordato preventivo.

Il collegio presieduto da Gabriella Giammona si è riservato la decisione e si pronuncerà nel merito nei prossimi giorni. All'istanza di fallimento del vecchio Palermo, presentata dalla Procura della Repubblica, si sono accodate altre nove istanze presentate da creditori a vario titolo, fra i quali anche i giocatori della vecchia squadra che non hanno incassato le ultime tre mensilità dei rispettivi contratti prima dello svincolo d'ufficio disposto dalla Figc.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento