Con una pistola rapina due studenti dopo una festa e li costringe a prelevare 500 euro: preso

In manette è finito Giuseppe Reina, 29 anni, pregiudicato della Zisa, che poco dopo aver assaltato gli universitari in viale delle Scienze si è spostato in piazza Magione per rapinare un'altra coppia. Decisivo un dettaglio: la bicicletta bianca utilizzata per entrambi i colpi

Polizia all'università - foto archivio

Con una pistola in mano rapinò due studenti che stavano uscendo da una festa notturna nella cittadella universitaria, costringendoli a a prelevare 500 euro. La polizia dopo lunghe indagini ha arrestato Giuseppe Reina, pregiudicato della Zisa, nei cui confronti è stato eseguito un provvedimento di custodia cautelare in carcere. In azione i “Falchi” della Squadra Mobile. I fatti sono avvenuti in viale delle Scienze nella notte del 9 maggio 2019.

"In quella circostanza Reina si fece consegnare un telefono cellulare, un portafoglio e 20 euro - ricostruiscono dalla polizia -. Non pago, successivamente costrinse gli studenti a recarsi presso uno sportello Bancomat non distante per prelevare 500 euro ma non riuscì a portare a termine il suo 'progetto' a causa del mancato funzionamento del Bancomat".

Poco dopo Reina si spostò in piazza Magione "e sempre con una pistola in mano - dicono dalla polizia - si fece consegnare da una coppia di giovani il denaro in loro possesso ma non riuscì invece ad ottenere il cellulare della coppia a causa dell’inattesa resistenza del ragazzo, che ingaggiò con il rapinatore una colluttazione, costringendolo alla fuga".  

Le indagini dei poliziotti della Mobile palermitana hanno permesso di attribuire entrambe le rapine a Reina "non soltanto per le analoghe modalità dei colpi, ma anche perché il rapinatore in tutti e due i casi ha utilizzato una bicicletta bianca", puntualizzano dalla questura. A casa di Reina sono stati poi ritrovati il cellulare rubato e la stessa bicicletta bianca indicata dalle vittime. Per questi motivi il Gip presso il Tribunale di Palermo ha disposto la custodia cautelare in carcere.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento