Turista pestato a sangue e rapinato alla Vucciria: arrestato un ragazzo di 17 anni

La vittima, dopo la brutale aggressione, vagò col volto insanguinato per cinque chilometri, prima di essere soccorsa. A distanza di quasi due mesi preso un giovane del Capo. Dovrà rispondere anche di furto in appartamento (colpo da 7 mila euro)

La polizia in Vucciria (foto archivio)

Dovrà rispondere dei reati di rapina aggravata e lesioni personali. La polizia ha individuato e arrestato un ragazzo di 17 anni del Capo: è accusato di aver fatto parte del branco che la notte dello scorso 27 febbraio pestò un turista siracusano alla Vucciria. La vittima, 29 anni, mentre stava passeggiando, venne accerchiata e poi picchiata da un gruppo di giovanissimi malviventi.

Il turista venne infine rapinato (soldi e cellulare). Quando capì di aver perso il telefonino e 90 euro circa, ancora insanguinato e scosso per l’accaduto, vagò per alcuni chilometri. Il malcapitato si era trovato in un amen sotto una raffica di calci e pugni, anche mentre si trovava a terra, sferrati da un gruppetto di ragazzi. Dopo l’episodio di violenza i giovani rapinatori sono scappati facendo perdere le proprie tracce, mentre il 29enne siracusano ha iniziato a camminare in cerca di aiuto. Arrivato a piazza Principe di Camporeale, dopo una “passeggiata” di circa 5 chilometri, è stato soccorso e portato con un’ambulanza in ospedale. Subito dopo si è messa in moto la macchina delle indagini condotte dai poliziotti del commissariato Centro

"Da allora - hanno spiegato dalla questura - gli agenti hanno scandagliato gli ambienti della malavita della Vucciria e degli altri quartieri popolari vicini. Parallelamente sono giunti importanti riscontri dalla visione dei filmati registrati dalle telecamere a circuito chiuso degli esercizi commerciali lungo il tragitto dell’aggressione. I poliziotti sono, così, giunti al 17enne del Capo, ritenuto uno dei componenti del gruppo". Il giovane è un volto già noto alla polizia e, quindi, è stato facilmente riconosciuto dagli agenti che lo hanno arrestato eseguendo un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale per i Minorenni di Palermo.

Il ragazzo dovrà rispondere anche di furto in appartamento, avvenuto lo scorso 11 febbraio, sempre alla Vucciria. In quella circostanza, approfittando dell’assenza dei proprietari, il giovane aveva fatto irruzione in casa portando via circa settemila euro. Determinante in questo caso è stato il supporto fornito agli investigatori del commissariato Centro da parte dei tecnici del Gabinetto di polizia scientifica di Palermo che hanno repertato le impronte del ragazzo sull’infisso attraverso il quale era entrato nella casa. Il 17enne è stato portato al Malaspina. Sono in corso ulteriori indagini per trovare eventuali complici sia per ciò che riguarda la rapina al turista che il furto in appartamento.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (21)

  • Per estirpare questo schifo ci vuole pugno di ferro e nessuna pietà...bisogna farne mangime peri porci.. con la tolleranza e pene inesistenti non si risolve nulla

  • delinquenti del genere esistono in tutte le parti del mondo... i made in casa nostra parlano il nostro dialetto e sono tasci... quelli americani sono più fighi xke parlano americano... ma cosa cambia ai fini del reato commesso?

  • mi Raccomando Dategli gli arresti Domiciliari a Questa Gente Dovete Buttarla Nel peggiore Carcere dei Confine italiano assieme e Marocchini no nell Carcere di Palermo

  • Si alla legge del taglione, No alla legge garantista e alle attenuanti generiche.

  • Avatar anonimo di Gerry
    Gerry

    Bravissimi gli inquirenti a prendere le impronte! 

  • Feccia palermitana che prolifera bene nei ghetti delinquenziali di Palermo.... per essi il carcere è un premio per avanzare di carriera. Lavori forzati per almeno 20 anni..

  • Avatar anonimo di salvo
    salvo

    servizi forzati , oppure a togliere cacca di cani.... palermo è piena ricopre proprio la sua persona

  • Buttate le chiavi ???? e massacrarlo ogni giorno.

  • La faccia di questo escrementino sociale!

  • Allo SCHIFO non c'è mai fine Palermo non cambierà mai. Il marcio inizia dalle famiglie.

  • Pensa da quale casa esce sto pischello! Sicuramente i genitori fanno lo stesso lavoro... Il branco dei morti di fame che per campare hanno bisogno di fare ste cose.. La galera per questi è solo un premio.

  • rimandatelo al suo paese, Salvini pensaci t... ah no

    • È palermitano....

    • E' già al suo paese. Leggi l'articolo piuttosto chi invocare salvini.

      • non avete capito il mio commento

        • Mi scuso! Mortificatissimo.

      • Ironico..

  • Schifo. Ignoranti e tasci. Ma perché non spariscono dal pianeta. Gentaglia A Palermo ce n’è tanta (PURTROPPO). Vergognati. Quelli come te hanno rovinato una terra  

  • Avatar anonimo di giovanni
    giovanni

    Così giovane e già cosi me..a. Buttate le chiavi, tanto è irrecuperabile 

  • Questa è gente che dovrebbe scomparire dalla faccia della terra perché più avanti combinerà guai più grossi.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Controlli in una mega area vicino al Cervello, sequestrate tre autorimesse abusive

  • Cronaca

    La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • Cronaca

    Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Oreto, scontro fra un'auto e una volante di polizia: cinque feriti

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Falsi incidenti per truffare le assicurazioni, scoperta altra banda: 16 arrestati e 25 indagati

  • Incidenti finti, lacrime vere: "Mattoni per rompermi il braccio, piangevo ma non si fermavano"

  • La banda dei falsi incidenti, i nomi delle 41 persone coinvolte

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • "Ha provato a toccarmi", papà di una dodicenne picchia bidello di una scuola del Villaggio

Torna su
PalermoToday è in caricamento