Turista pestato a sangue e rapinato alla Vucciria: arrestato un ragazzo di 17 anni

La vittima, dopo la brutale aggressione, vagò col volto insanguinato per cinque chilometri, prima di essere soccorsa. A distanza di quasi due mesi preso un giovane del Capo. Dovrà rispondere anche di furto in appartamento (colpo da 7 mila euro)

La polizia in Vucciria (foto archivio)

Dovrà rispondere dei reati di rapina aggravata e lesioni personali. La polizia ha individuato e arrestato un ragazzo di 17 anni del Capo: è accusato di aver fatto parte del branco che la notte dello scorso 27 febbraio pestò un turista siracusano alla Vucciria. La vittima, 29 anni, mentre stava passeggiando, venne accerchiata e poi picchiata da un gruppo di giovanissimi malviventi.

Il turista venne infine rapinato (soldi e cellulare). Quando capì di aver perso il telefonino e 90 euro circa, ancora insanguinato e scosso per l’accaduto, vagò per alcuni chilometri. Il malcapitato si era trovato in un amen sotto una raffica di calci e pugni, anche mentre si trovava a terra, sferrati da un gruppetto di ragazzi. Dopo l’episodio di violenza i giovani rapinatori sono scappati facendo perdere le proprie tracce, mentre il 29enne siracusano ha iniziato a camminare in cerca di aiuto. Arrivato a piazza Principe di Camporeale, dopo una “passeggiata” di circa 5 chilometri, è stato soccorso e portato con un’ambulanza in ospedale. Subito dopo si è messa in moto la macchina delle indagini condotte dai poliziotti del commissariato Centro

"Da allora - hanno spiegato dalla questura - gli agenti hanno scandagliato gli ambienti della malavita della Vucciria e degli altri quartieri popolari vicini. Parallelamente sono giunti importanti riscontri dalla visione dei filmati registrati dalle telecamere a circuito chiuso degli esercizi commerciali lungo il tragitto dell’aggressione. I poliziotti sono, così, giunti al 17enne del Capo, ritenuto uno dei componenti del gruppo". Il giovane è un volto già noto alla polizia e, quindi, è stato facilmente riconosciuto dagli agenti che lo hanno arrestato eseguendo un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale per i Minorenni di Palermo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ragazzo dovrà rispondere anche di furto in appartamento, avvenuto lo scorso 11 febbraio, sempre alla Vucciria. In quella circostanza, approfittando dell’assenza dei proprietari, il giovane aveva fatto irruzione in casa portando via circa settemila euro. Determinante in questo caso è stato il supporto fornito agli investigatori del commissariato Centro da parte dei tecnici del Gabinetto di polizia scientifica di Palermo che hanno repertato le impronte del ragazzo sull’infisso attraverso il quale era entrato nella casa. Il 17enne è stato portato al Malaspina. Sono in corso ulteriori indagini per trovare eventuali complici sia per ciò che riguarda la rapina al turista che il furto in appartamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento