Turista pestato a sangue e rapinato alla Vucciria: arrestato un ragazzo di 17 anni

La vittima, dopo la brutale aggressione, vagò col volto insanguinato per cinque chilometri, prima di essere soccorsa. A distanza di quasi due mesi preso un giovane del Capo. Dovrà rispondere anche di furto in appartamento (colpo da 7 mila euro)

La polizia in Vucciria (foto archivio)

Dovrà rispondere dei reati di rapina aggravata e lesioni personali. La polizia ha individuato e arrestato un ragazzo di 17 anni del Capo: è accusato di aver fatto parte del branco che la notte dello scorso 27 febbraio pestò un turista siracusano alla Vucciria. La vittima, 29 anni, mentre stava passeggiando, venne accerchiata e poi picchiata da un gruppo di giovanissimi malviventi.

Il turista venne infine rapinato (soldi e cellulare). Quando capì di aver perso il telefonino e 90 euro circa, ancora insanguinato e scosso per l’accaduto, vagò per alcuni chilometri. Il malcapitato si era trovato in un amen sotto una raffica di calci e pugni, anche mentre si trovava a terra, sferrati da un gruppetto di ragazzi. Dopo l’episodio di violenza i giovani rapinatori sono scappati facendo perdere le proprie tracce, mentre il 29enne siracusano ha iniziato a camminare in cerca di aiuto. Arrivato a piazza Principe di Camporeale, dopo una “passeggiata” di circa 5 chilometri, è stato soccorso e portato con un’ambulanza in ospedale. Subito dopo si è messa in moto la macchina delle indagini condotte dai poliziotti del commissariato Centro

"Da allora - hanno spiegato dalla questura - gli agenti hanno scandagliato gli ambienti della malavita della Vucciria e degli altri quartieri popolari vicini. Parallelamente sono giunti importanti riscontri dalla visione dei filmati registrati dalle telecamere a circuito chiuso degli esercizi commerciali lungo il tragitto dell’aggressione. I poliziotti sono, così, giunti al 17enne del Capo, ritenuto uno dei componenti del gruppo". Il giovane è un volto già noto alla polizia e, quindi, è stato facilmente riconosciuto dagli agenti che lo hanno arrestato eseguendo un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale per i Minorenni di Palermo.

Il ragazzo dovrà rispondere anche di furto in appartamento, avvenuto lo scorso 11 febbraio, sempre alla Vucciria. In quella circostanza, approfittando dell’assenza dei proprietari, il giovane aveva fatto irruzione in casa portando via circa settemila euro. Determinante in questo caso è stato il supporto fornito agli investigatori del commissariato Centro da parte dei tecnici del Gabinetto di polizia scientifica di Palermo che hanno repertato le impronte del ragazzo sull’infisso attraverso il quale era entrato nella casa. Il 17enne è stato portato al Malaspina. Sono in corso ulteriori indagini per trovare eventuali complici sia per ciò che riguarda la rapina al turista che il furto in appartamento.

Potrebbe interessarti

  • Bagno al mare dopo mangiato, sì che si può fare: tutta la verità sul (falso) mito

  • Cactus mania, avere piante grasse in casa non è solo bello ma fa anche (molto) bene

  • Fare la spesa risparmiando, 10 regole d'oro che i palermitani spreconi dovrebbero seguire

  • Punti neri, l'inestetismo della pelle da combattere: consigli e rimedi (anche fatti in casa)

I più letti della settimana

  • Centro storico, studentessa seguita e poi violentata sotto casa: fermati due bengalesi

  • Incidente sulla A29, auto contro il guardrail: muore 13enne, gravissimo il fratello

  • Tragedia in autostrada, bimbo di 9 anni in condizioni disperate: "Ha un gravissimo trauma cranico"

  • Blitz antimafia fra Palermo e New York, 19 arresti: decapitato mandamento di Passo di Rigano

  • Morto noto commerciante palermitano, era lo zio di Eleonora Abbagnato

  • E' morto il chirurgo Mezzatesta: "La medicina ha perso un genio"

Torna su
PalermoToday è in caricamento