Tunisini al porto, ”Violata libertà” La Procura apre un’inchiesta

Presentato un esposto da parte di alcune associazioni: "Gli immigrati sono trattenuti a bordo delle navi, alcuni dei quali ammanettati con fascette di plastica, senza nessun provvedimento che ne giustifichi il trattamento"

Tunisini in attesa di essere rimpatriati

Presentato oggi alla Procura un esposto da parte di alcune associazioni, organizzazioni anti-razziste e cittadini, per denunciare - e chiedere alla magistratura di verificarne la regolarità - il trattenimento degli immigrati tunisini da Lampedusa a bordo delle navi Moby Vincent e Audacia, ormeggiate da giorni nel porto di Palermo e Moby Fantasy ora ancorata a Cagliari. Dopo l'esposto la Procura di ha aperto un fascicolo di ''atti relativi'' a carico di ignoti. I pm devono verificare, prima di aprire una formale inchiesta, se possono evidenziarsi nella vicenda estremi di reato. Gli accertamenti sono coordinati dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci.

Nel documento - sottoscritto, tra gli altri, dalla presidente dell'Arci Sicilia, Anna Bucca, Pietro Milazzo della Cgil Sicilia, una rappresentante della rete “Borderline (Judith)”, Fulvio Vassallo paleologo del Forum antirazzista - si chiede di verificare la regolarità del procedimento di allontanamento forzato e la legittimità del trattenimento sulle navi prigione ancorate al porto e se siano ravvisabili, dunque ipotesi di reato, quali “limitazioni della libertà personale”, “violenza privata”, “illecita detenzione di minori”.

“I cittadini stranieri trattenuti a bordo delle navi - si legge nell'esposto - alcuni dei quali ammanettati con fascette di plastica, si trovano in condizione di estrema limitazione della liberta personale essendogli inibita qualsiasi possibilità di movimento, anche all'interno delle navi, risultando privati della possibilità di comunicare con l'esterno, ed essendo a tal fine, sottoposti a continua sorveglianza, senza che nei loro confronti, per quanto risulta, siano stati emessi e notificati provvedimenti individuali limitativi della libertà personale e senza che i provvedimenti stessi siano stati sottoposti al vaglio giurisdizionale, garanzie previste in primo luogo dalla Costituzione, dalla normativa europea e internazionale e dal diritto interno”.
 

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Commercio a Palermo, nelle vie "in" affittare un negozio costa anche 165 mila euro l'anno

  • Sognando la villa con piscina a Mondello, costi e tempi per averne una in giardino

I più letti della settimana

  • "Questo è per lei", pacco sospetto consegnato in spiaggia alla moglie di un carabiniere

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Incidente in via Selinunte, a bordo di una Vespa si scontra con un’auto: morto un uomo

  • Incidente sulla Palermo-Sciacca, frontale fra due furgoni: grave un quarantenne

  • Turista denuncia sera da incubo alla Vucciria: "Trascinata in auto e palpeggiata"

Torna su
PalermoToday è in caricamento