homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Truffe ai distributori di benzina Denunce e multe per 70 mila euro

Blitz della Finanza che ha ispezionato 15 distributori. All'Arenella scoperto un congegno in modo da erogare il 10% in meno del carburante segnato sul display. Carburante "allungato" in via Michelangelo e Brancaccio

Colonnine manomesse, gasolio di scarsa qualità, vendite in nero. Raffica di sanzioni per benzinai non in regola nel corso di specifici controlli svolti dalla guardia di finanza. Multe per 70 mila euro sono state contestate a titolari di 8 distributori di carburanti, tre per erogazione fuori dagli orari di apertura, uno per ritardata richiesta di proroga della licenza di omessa presentazione del rapporto di manutenzione all'Agenzia delle Dogane della copia del rapporto di lavoro di manutenzione per esigenze di sicurezza. Uno a Partinico, denunciato anche penalmente, per illecito riempimento di bombole di Gpl ad uso domestico, uno per irregolare tenuta dei registri di carico e scarico prodotti energetici, due per vendite "in nero" con un'evasione di accisa per oltre 3.300 euro ed Iva non versata per circa 22.000 euro.

Sequestrato un distributore in via Papa Sergio, all'Arenella, dove le colonnine erano state manomesse con un congegno elettronico in modo da erogare il 10% in meno del carburante segnato sul display e pagato dal cliente. Il titolare dovrò perciò rispondere di frode in commercio e uso di misure con falsa impronta.

In altri due impianti, in via Michelangelo e Brancaccio, analisi di laboratorio eseguite dall'Agenzia delle dogane hanno riscontrato carburanti qualitativamente non conformi alla normativa vigente; in caso, il gasolio conteneva per oltre il 30% olio non minerale, e dunque non era idoneo per uso autotrazione, e nell'altro era miscelato con "sostanze bassobollenti", a limitato grado d'infiammabilità. I due gestori sono stati denunciati.
 

 


 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • Avatar anonimo di domenico
    domenico

    io ke gestisco un impianto di carburanti, il 31/12/12 ho ricevuto un carico di gasolio anomalo provocando diversi danni . ke dovrei fare???????extreuropeo

  • Avatar anonimo di Francesco
    Francesco

    È spesso difficile rendersi conto che Palermo abbia il primato su tutte le cose negative. La gente non può più tirare avanti, quasi 2€ a litro la benzina (oro nero) e sentir dire che dietro c'è la truffa...mi vien voglia di spaccare la faccia a tutti coloro i quali non fanno il proprio lavoro onesto, dalle istituzioni ai lavoratori. Palermitani, siate più vigilanti!

  • Avatar anonimo di toni
    toni

    Con grande stupore ho visto una pompa di benzina a partanna mondello aveva il cartello chiuso per ferie,poi ho scoperto che la finanza dopo dei controlli lo aveva chiuso,ma non capisco il perche' non gli facciano togliere il cartello e mettano invece un foglio della gdf con scritto " sequestrato"

  • facevo diesel in un rifornimento nella via che va da trabia a termini imerese ma vedevo che la lancetta del carburante non si muoveva come doveva... ho sempre pensato che anche dalle nostre parti ci siano questi marchingegni...

  • Palermitani: Boicottate tutti questo distributore.

  • Avatar anonimo di gaetano
    gaetano

    Buongiorno, penso che sarebbe giusto e doveroso da pate delle istitutuzioni,dare nome e cognome dei titolari degli impianti ,ed il nome della compagnia.

    • Avatar anonimo di lidia
      lidia

      sono pienamente daccordo. Intensificare le ricerche su altri distribuitori che truffano i cittadini perche sicuramente ce ne saranno altri . E' semplicememte vergognoso!

  • Perchè non c'è mai "qualcuno in alto" che risponde a noi anime in pena??? Ci lasciano parlare addosso?

  • appunto , perchè non scrivono chi sono questi distributori così almeno stiamo attenti pure noi

  • Avatar anonimo di Citizen
    Citizen

    E' come quando si legge di dentisti che non hanno i titoli di studio richiesti. La prima domanda che si pone chi legge è: voglio sapere il nome, non sia mai che sia il mio dentista.. Ma alcuni giornali preferiscono tutelare la privacy dei criminali piuttosto che tutelare i cittadini onesti.

  • Condivido in pieno anch'io! Sbattete le loro facce in "prima pagina" sempre. E succede anche per scandali nei settori Salute, Medicina, Ristorazione... Dobbiamo essere tutelati NOI, non loro!

  • Avatar anonimo di Cittadino
    Cittadino

    Mettete la locazione di questi fornitori, cosi almeno evitiamo di andarci

    • Avatar anonimo di andrea
      andrea

      Condivido in pieno!! Dovrebbero comunicare dove avvengono le truffe cosi non ci va più nessuno!!

  • Avatar anonimo di Roberto
    Roberto

    Come al solito si fa la guerra dei poveri.. i Benzinai ci truffano, e la sansione e' di appena 70 mia eur omplessivi... li vorrei vedere per una settimana a spaccare pietre in una casa di marmo...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia a Balestrate, muore annegato in mare per salvare un ragazzino

  • Incidenti stradali

    Incidente a Corleone, con l’auto contro il guardrail: tre feriti

  • Cronaca

    "Caos in via Crispi e al porto inaccettabile”: Nuti (M5S) chiede l'intervento del Prefetto

  • Cronaca

    Via Frontini, donna aggredita e rapinata con un coltello per meno di 50 euro

I più letti della settimana

  • Vucciria, polizia lo arresta dopo uno scippo: ma la folla lo fa scappare con le manette

  • Tragedia a Balestrate, muore annegato in mare per salvare un ragazzino

  • San Nicola l'Arena, accusa malore mentre è al mare e muore

  • Terremoto, Palermo è solidale: ecco dove portare i beni di prima necessità

  • Rissa allo Sperone, bastonate e coltellate in casa: quattro arresti

  • Zona via Libertà, ladri sordomuti non sentono la polizia: arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento