Offerte online imperdibili e finte fatture, truffa da 10 mila euro: denunciato

Per non destare particolari sospetti, nella fattura pro-forma che inviava alle vittime tramite “Whatsapp”, indicava il numero di partita Iva di una ditta realmente esistente e intestata a un suo omonimo. Gli acquirenti dopo aver pagato tramite bonifico non ricevevano la merce promessa

Contattava le sue vittime online e proponeva loro la vendita di prodotti, provenienti da presunte aste fallimentari, a prezzi molto vantaggiosi. Una volta agganciato l'acquirente gli inviava di una fattura “pro-forma” nella quale erano elencati i beni promessi nell’annuncio pubblicitario e, contestualmente, gli richiedeva il pagamento anticipato. Dopo aver ricevuto il denaro mediante bonifico destinato ad una carta Postepay Evolution spariva. Il truffatore, C.C. le sue iniziali, è stato individuato dalla guardia di finanza di Termini Imerese e denunciato per i reati di truffa e appropriazione indebita: è un 59enne residente a Palermo.

Per non destare particolari sospetti, nella fattura pro-forma che inviava alle vittime tramite “Whatsapp”, indicava il numero di partita Iva di una ditta realmente esistente e intestata ad un suo omonimo. L’attività svolta dai finanzieri, coordinata dalla Procura, ha permesso di individuare sei soggetti raggirati e di accertare truffe per circa 10 mila euro. Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati a verificare la presenza di ulteriori vittime nonché mirati approfondimenti utili a tassare i proventi illecitamente ottenuti dal truffatore. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento