Truffa, arrestato il genero di Totò Riina a Brindisi

Tony Ciavarello ha ricevuto la visita dei carabinieri, che gli hanno notificato un ordine di esecuzione riguardante una condanna per una truffa commessa nel 2009 a Termini Imerese: sei mesi ai domiciliari

La giustizia presenta il conto ad Antonio, detto Tony Ciavarello, 43 anni, genero di Toto Riina, palermitano ma residente da anni a San Pancrazio Salentino con Maria Concetta Riina, una delle figlie del defunto capo dei capi di Cosa nostra. Ciavarello ha ricevuto ieri sera (30 novembre) la visita dei carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana, che gli hanno notificato un ordine di esecuzione riguardante una condanna per una truffa commessa nel 2009 a Termini Imerese. Ciavarello sconterà in regime di domiciliari, presso la sua abitazione, la parte residua di una pena a sei mesi. 

Il nome di Ciavarello era già noto alle cronache. La scorso ottobre, infatti, il 43enne, raggiunto in estate da un provvedimento di sequestro che interessò le sue aziende, oltre a beni e conti correnti dei famigliari del boss, chiese un aiuto economico pubblicando un annuncio sul sito "Collettiamo". 

"Visto che stanno già facendo varie ipotesi e contestazioni varie - interviene su Facebook Maria Concetta Riina, figlia del padrino e moglie dell'arrestato - vi spiego cosa è successo; Nel 2008-2009 migliaia di italiani sono stati coinvolti in una serie di truffe di falsi bonifici e riciclaggio degli stessi, mio marito Antonino Tony Ciavarello è stato uno dei coinvolti, vittima dei truffatori che lo hanno usato per i loro sporchi affari, grazie ad un grande avvocato che non è andato a processo a difenderlo si è ritrovato con una condanna a sei mesi. Giusto però è che sappiate la verità - aggiunge postando una foto di operazioni bancarie fatte dal marito - e ve ne mostrerò uno stralcio, i soldi ricevuti tramite bonifico non li ha tenuti per se, inconsapevolmente è stato vittima dei truffatori, la prova che vi mostro sotto fa parte di un indagine dei Ros dei Carabinieri, dove si evince che mio marito i soldi ricevuti tramite bonifico li ha rigirati tramite Western Union come indicati dal truffatore. In mezzo a circa 6.000 italiani, l'unico condannato è mio marito''.

Lo scorso 17 novembre, il giorno del decesso di Totò Riina, Facebok rimosse d'iniziativa la foto listata a lutto postata da Ciavarello sul proprio profilo. Decine di messaggi di cordoglio provenienti da tutta Italia e dall'estero accompagnarono il post pubblicato dal genero del boss. Alcuni giorni fa, però, i gestori del social network si sono scusati con Ciavarello, chiarendo in una nota che “i post erano stati eliminati per errore” e per questo sono stati ripubblicati.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Dopo otto anni tutte le faccende riguardanti questa famiglia stanno subendo un'accelerazione impressionante sul profilo procedurale, chissà come mai?!

    • Ma magari!!! cosi vengono esiliati e pagheranno finalmente per i crimini commessi da loro e da suo padre. Può essere che suo padre vuole portarseli tutti nel regno dei morti!!! Ripeto :Ma magari

  • Avatar anonimo di PAOLO
    PAOLO

    ecco lo dicevo io che sia lui che sua moglie che chiedevano aiuti finanziari via facebbok e il bonus bebè..... che sono è saranno per sempre delle persone schifose da mandare al esilio fuori dai coglioni gente di m.....a

  • Molti dicevano che il genero era un santo! No, io dico che é un MAFIOSO

    • Guardi che è stato condannato per truffa.

      • Il primo arresto di Riina è stato nel 69 per traffico di sigarette!! E sappiamo tutti cosa a combinato in 41 anni di latitanza!! Quindi cosa aspettiamo!! 

        • Quindi, lo arrestiamo per mafia in via precauzionale?

  • Non si pigliano se non si assomigliano! Non mi dite che i figli non c’entrano nulla col padre, che non è giusto che paghino x il cognome che portano e balle varie... e anche generi e nuore... il ceppo quello è!!

  • ricordate il post del 26/10/2017 quando chiedeva una colletta perchè era senza soldi?? E c'e stato un commento che diceva di non fare di tutta un erba un fascio?? bhe ti rispondo che con un detto siciliano " Nuddu si pigghia si nun s'assumigghia " vuol dire che nessuno si prende se non si assomiglia. Quindi parenti amici tutti pezzi di M... sono perchè loro la malvagità gli scorre nelle vene.

  • Vogliamo vedere arrestati pezzi dello stato e della magistratura,loro non sono al di sopra della legge, li abbiamo messi noi in quei posti, e fanno peggio di questi.

  • smettetela di dare spazio e risonanza a questi personaggi, non capite che fate il loro gioco? ne arrestano 300 al giorno considerateli come tutti gli altri

  • Avatar anonimo di Mr.White
    Mr.White

    Continua la telenovela..... Ci vediamo alla prossima puntata!

    • La produzione ha deciso di farla durare per un bel po', considerando l'alto indice di ascolti...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • Cronaca

    Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Cronaca

    Milano, l'autista palermitano è ubriaco: 66 parrocchiani in gita devono cambiare bus

  • Cronaca

    Fece esplodere una pen drive che ferì un poliziotto: Unabomber palermitano in manette

I più letti della settimana

  • Falsi incidenti per truffare le assicurazioni, scoperta altra banda: 16 arrestati e 25 indagati

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Incidenti finti, lacrime vere: "Mattoni per rompermi il braccio, piangevo ma non si fermavano"

  • La banda dei falsi incidenti, i nomi delle 41 persone coinvolte

  • "Ha provato a toccarmi", papà di una dodicenne picchia bidello di una scuola del Villaggio

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento