“Trentino Vivo”, associazione nazionale contro il bullismo: evento a Palermo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Nasce in Trentino nel 2017, “Trentino Vivo” l’Associazione Nazionale Contro il Bullismo. Il fondatore e attuale presidente è Giuseppe Di Lorenzo un’ex vittima di bullismo e anche se sono passati molti anni dagli atti di bullismo che Giuseppe subiva ( violenza fisica, psichica e minaccie non rivolte solo a lui ma anche al fratello in quanto omosessuale) Giuseppe ha voluto e vuole che quello che è successo a lui e suo fratello non succeda più a nessuno, quindi ha creato questa associazione che opera in stretta collaborazione con altre associazioni contro ogni forma di bullismo. Dal 13 luglio 2019 nasce una seconda sede dell’Associazione che si trova propria nella nostra città ed è gestita da Alessandro Salerno insieme al suo staff. Alessandro Salerno ha iniziato tre anni fa all’età di 11 anni a lottare contro il bullismo, realizzando dei cortometraggi che pubblicava nel suo canale. Ha ricevuto una lettera di ringraziamento per il lavoro svolto da parte del segretario del Presidente della Repubblica e anche da parte del Ministero dell’Istruzione. Ha conosciuto personalmente l’anno scorso, il procuratore nazionale antimafia, dr Cafiero De Raho e il ministro della giustizia, Avv Alfonso Bonafede, ai quali ha raccontato tutto quello che ha fatto per contrastare il bullismo. Ad oggi ha la fortuna di gestire la sede succursale dell’Associazione “Trentino Vivo” in quanto gli sta permettendo di attivare tutto quello che non è riuscito ad attivare prima. Alessandro sta lavorando ogni giorno con impegno per contrastare il bullismo ed è riuscito ad organizzare l’evento che si terrà a Palermo il 9/08/2019 in onore dei due cuginetti morti investiti a Vittoria Alessio e Simone D’Antonio anche grazie all’efficiente collaborazione del suo staff.

Torna su
PalermoToday è in caricamento