La denuncia del Comitato pendolari: "Treni, aerei, navi: niente continuità territoriale per la Sicilia"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Ritorna lo spettro dei tagli ai treni a lunga percorrenza, così come è successo agli inizi del 2009. Tagli che poi sono stati ridimensionati, lasciando ai siciliani solamente quattro coppie di treni da e per il Nord (Roma e Milano). E come allora i soliti interventi dei sindacati del settore, qualche interrogazione da parte di qualche politico attento e i rumors dei lavoratori del settore che vedono svanire il proprio posto di lavoro". Lo dice Giosuè Malaponti, del comitato pendolari siciliani.

"A questi fatti  - aggiunge - c'è da registrare il tempismo dei vertici di Rete Ferroviaria Italiana alla Kore di Enna nel presentare ai sindaci dei Comuni interessati la velocizzazione della Palermo-Catania-Messina. Come a dire da un lato vi allontaniamo dal raggiungere il Continente dall'altra vi regaleremo un'ulteriore (faraonica) infrastruttura sempre se verrà realizzata. Non vogliamo ritornare sui 30 milioni di euro finanziati dal 2010 per raggiungere gli stessi risultati sulla Palermo-Catania, investendo le attuali risorse previste per modernizzare l'attuale rete ferroviaria. Oggi invece, ci aspettiamo un intervento e una forte presa di posizione da parte del sindaco dei siciliani,  Crocetta, nei confronti di uno Stato e di un Governo che ha deciso definitivamente di iIsolare la nostra terra e il nostro futuro. Onorevole Presidente, non basta andare in Procura a denunciare il malaffare, oggi serve tutto il suo impegno per evitare che la 'continuità territoriale', che spetta di diritto alla nostra Sicilia e noi ai siciliani, venga sottratta definitivamente".

Torna su
PalermoToday è in caricamento