Tram, "scivolone" Comune-Amat: 650 mila euro all'Erg per l'esproprio

La Corte d'Appello ha condannato l'Amministrazione al pagamento della somma, sei volte superiore a quella offerta inizialmente, per aver voluto realizzare un deposito per le vetture laddove era stato costruito un impianto di carburante nel 2004, in via Castellana

Cantieri del tram (foto archivio)

Maxi risarcimento del Comune per la Erg Petroli. La Corte d'Appello ha condannato l'Amministrazione palermitana al pagamento di 650 mila euro a titolo di indennità di espropriazione dell'impianto di distribuzione di carburanti che la compagnia petrolifera aveva realizzato in via Castellana, nell'area in cui l'Amat aveva progettato di costruire il deposito vetture della linea Leonardo da Vinci. L'importo riconosciuto è sei volte superiore alla cifra offerta dal Comune per l'esproprio.

La somma riconosciuta alla Erg, assistita dagli avvocati Santi Magazù e Gianluigi Mangione, è stata sensibilmente ridimensionata rispetto ai 90 mila stimati dall'azienda di trasporto pubblico urbano, responsabile del progetto. In quel caso la compagnia petrolifera aveva rifiutato seccamente la cifra proposta. "L'Amat - hanno spiegato i legali all'Ansa - ritenne incompatibile ogni ipotesi di coesistenza dell'impianto con il deposito dei tram, preferendo quindi far procedere il Comune di Palermo alla espropriazione dell'intero impianto carburanti (oltre che del terreno, in proprietà di privati, su cui era sorto)".

"Tra il 2008 e il 2009 - aggiungono Magazù e Mangione - il Comune ha proceduto all'espropriazione per pubblica utilità dell'impianto carburanti per far posto al 'deposito tram': nonostante quella zona della città presentasse diverse altre aree inutilizzate (e comunque libere o non edificate), il progetto del sistema tranviario di Palermo stabilì che la realizzazione di quest'opera (il deposito) dovesse avvenire proprio su gran parte dell'area in cui la Erg aveva costruito nel 2004 il proprio moderno distributore".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Stress? Rabbia? Arriva a Palermo la Rage Room, la stanza dove puoi spaccare tutto

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento