"Troppi atti vandalici", l'Amat rimuove le macchinette per i biglietti del tram

L'azienda ha deciso di toglierle tutte per riparare quelle rotte - 20 su 44 - ed evitare che qualcuno distrugga le poche ancora indenni. I distributori torneranno, "rinforzati", la prossima settimana. I ticket si potranno comprare ai capolinea della linea 1 o nei punti vendita autorizzati

Una macchinetta per i biglietti del tram distrutta

Il tram c'è e i palermitani stanno, giorno dopo giorno, prendendo confidenza con i bombardier bianchi che attraversano la città. A non esserci più sono invece le macchinette che emettono i biglietti. Già dalle prime ore di "vita" sono state prese di mira dai vandali e adesso l’Amat ha deciso di rimuoverle tutte per riparare quelle rotte (20 su 44) ed evitare che qualcuno distrugga le poche ancora indenni. Ma non è una decisione definitiva. I distributori infatti torneranno, "rinforzati", già dalla prossima settimana.

“Si comunica - recita un avviso che è stato affisso alle fermate - che a seguito dei continui atti vandalici subiti dalle emettitrici è stata interrotta l'emissione dei biglietti alle fermate del tram. Si ricorda che è fatto obbligo ai passeggeri di salire abordo dei mezzi Amat in possesso di regolare titolo di viaggio".

Nei giorni scorsi il presidente dell'azienda, Antonio Gristina, aveva rivolto "un appello ai cittadini onesti affinché isolino coloro che hanno comportamenti di questo tipo. Ad arrecare danno all'azienda non sono tanto i furti, le macchinette vengono svuotate più volte al giorno, quanto piuttosto la necessità di interventi manutentivi e il danno d'immagine". Parole, evidentemente, cadute nel vuoto. Intanto, finchè non verranno nuovamente installate le macchinette - questa volta protette con cravatte d'acciaio - i cittadini dovranno potranno comprare i biglietti "dalle emettitrici, sempre operanti, ai capolinea della linea 1 del tram (stazione centrale e Roccella) e presso i punti vendita di Amat e tutti i rivenditori autorizzati”. L'Amat inoltre sta studiando l'ipotesi di installare i distributori di biglietti a bordo del tram e anche degli autobus.

"Gravissima la decisione dell’Amat, si tratta di una resa incondizionata ai vandali”. Lo sostiene Luisa La Colla, consigliere comunale del Partito Democratico, che rincara la dose: “Quanto accaduto dimostra, inoltre, la differenza tra le parole sbandierate in ogni dove dall'amministrazione comunale e la realtà del fatti: altro che città sicura ed europea (anzi, mediorientale), a Palermo l’insicurezza regna così sovrana che si decide di darla vinta ai delinquenti”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

  • L'incidente con lo scooter in viale Regione, guardia giurata muore in ospedale a 45 anni

Torna su
PalermoToday è in caricamento