menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Un mese di tram, numeri boom: 250 mila persone trasportate

E' già tempo di bilanci per il Comune: sono stati oltre 75 mila i chilometri percorsi nei primi 30 giorni. Soltanto lo 0,05% dei passeggeri è risultato sprovvisto di biglietto (su 160 mila controlli effettuati)

Numeri positivi per il tram che oggi festeggia il primo mese di attività. Ed è già tempo di bilanci. A farli è stato il Comune. Sono stati oltre 75 mila i chilometri percorsi - spiegano da Palazzo delle Aquile - con oltre 250 mila passeggeri trasportati (220 mila obliterazioni a bordo delle vetture del tram, oltre abbonati e utenti che hanno usufruito di biglietti obliterati su altre vetture). Anche se, come è noto, si sono verificati numerosi atti vandalici a danno delle macchinette emettitrici, sono stati 72 mila i titoli di viaggio emessi dai distributori che saranno presto reinstallati.

I controlli effettuati a borso del tram dal personale Amat sono stati poco più di 160 mila: solo una percentuale irrisoria (inferiore allo 0,05%) dei passeggeri era sprovvista del biglietto. Ultimo dato importante è quello relativo alle corse effettuate, pari ad oltre l'85% di quelle programmate. "Un dato eccezionale - dicono dal Comune - anche se si considera che le corse non effettuate sono state dovute a fattori esterni al sistema. I motivi del salto delle corse sono stati infatti la sosta di autovetture sui binari, il mancato rispetto dei semafori da parte degli automobilisti, un caso di incidente con un'automobile. Nessuna assenza del personale si è registrata durante questo mese".  

"Il tram è un grande motivo di orgoglio per l'azienda per i lavoratori - ha detto Antonio Gristina, presidente dell'Amat - e siamo certi diverrà sempre più strumento trainante dello sviluppo aziendale". Soltanto una vettura ha riportato un guasto. Si tratta di un tram che è stato poi rimorchiato al deposito di Roccella, come detto ieri, dove è stato poi eseguita una riparazione immediata rimettendo la stessa vettura in servizio sulla linea 2.

"I palermitani hanno scoperto e apprezzano tantissimo questo nuovo mezzo di trasporto pubblico - afferma il sindaco Leoluca Orlando - e mostrano il proprio gradimento con il più semplice ed ovvio dei gesti: il pagamento del biglietto. Tutta l'Amat ha risposto con entusiasmo ed orgoglio all'avvio del sistema tranviario che è già divenuto l'elemento trainante di una rinascita dell'azienda, di cui sono parte integrante anche la riorganizzazione del sistema su gomma e l'implementazione di servizi integrati ed intermodali sempre più efficienti. A Palermo - conclude il sindaco - si delinea sempre più e sempre meglio quel sistema integrato del trasporto pubblico che finalmente si pone come vera alternativa all'uso, anzi all'abuso del mezzo privato."

Potrebbe interessarti

Commenti (2)

  • Sindaco,Consiglio e Giunta ed il personale municipale credo non utilizzino più i mezzi privati.

  • Sarebbe interessante sapere: i passeggeri per chilometro,costo e validità del biglietto,dove si comprano,e le naturali agevolazioni per gli anziani e studenti.qualcuno è in grado di rispondere?

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Sposo colpito in pieno volto dal drone, il matrimonio finisce in ospedale

  • Incidenti stradali

    Addio Alessandro Nasta, anima delle notti palermitane: "Difficile non vederti ridere"

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Pietro Bonanno, si ribalta con l'auto: morto Alessandro Nasta

  • Incidenti stradali

    Gli amici piangono Alessandro Nasta: più di mille per i suoi funerali

Torna su