Tournée in Libano per l'orchestra giovanile mediterranea

L'Orchestra Giovanile Mediterranea, composta da alcuni tra i migliori giovani musicisti siciliani, si recherà in Libano per una tournée dal 18 al 31 luglio, partecipando a vari festival internazionali per un totale di cinque date.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Dal 18 al 31 luglio l'orchestra giovanile mediterranea sarà a Beirut, in Libano, per affrontare la terza tournée libanese dopo i successi di "Così fan tutte" di Mozart per l'Opera Studio (Maggio 2015) e della "Messa di Gloria" di Puccini per il Festival Internazionale Beirut Chants (Dicembre 2015).

La compagine, fondata nel 2002 dal direttore d'orchestra, compositore e pianista Alberto Maniaci, è formata da alcuni tra i migliori giovani musicisti siciliani. Sotto la guida dello stesso Maniaci e di Simone Piraino, compositore, musicologo e organizzatore dello spettacolo, ben 32 giovani professori d'orchestra avranno l'occasione di esibirsi in una realtà artistica internazionale tanto nuova quanto interessante come quella libanese.

In particolare il 21 luglio l'orchestra, diretta da Toufic Maatouk, eseguirà il Requiem di Mozart per la Saison de musique de chambre dell'Università Antonina; giorno 22 un primo Gala Lirico presso l'Eglise Saint Joseph des Jesuites, il 26 e il 27 l'Elisir d'amore di Donizetti, Opera studio patrocinata dall'Università Antonina di Beirut e dal Conservatorio Nazionale del Libano, con la presenza degli allievi delle suddette istituzioni, nonché dei cantanti siciliani Francesco Vultaggio e Federica Faldetta che saranno guidati in scena da Roberto Catalano, giovanissimo regista palermitano, e accompagnati al pianoforte da Salvatore Scinaldi, maestro collaboratore della produzione. Infine, il 30 luglio, per l'atteso Ehdeniyat International Festival, un secondo Gala Lirico con musiche di Rossini, Dvorak, Puccini, Bizet, Verdi e Mozart.

Torna su
PalermoToday è in caricamento