Dopo le esondazioni sì alla messa in sicurezza del torrente Gangi: lavori per 137 mila euro

Sono stati i tecnici del dipartimento regionale della Protezione civile dopo alcuni sopralluoghi a individuare le zone dove effettuare gli interventi. Il sindaco: "Azioni indispensabili in vista dell'inverno"

Il torrente Gangi

Nei mesi scorsi a causa della pioggia il torrente Gangi, nell'omonimo paese, era esondato creando allagamenti e frane. Oggi il via libera ai lavori di messa in sicurezza. Gli interventi sono stati autorizzati dopo la dichiarazione dello stato di calamità naturale da parte della Giunta regionale e, successivamente, dello stato di emergenza da parte del governo nazionale. 

Sono stati i tecnici del dipartimento regionale della Protezione civile dopo sopralluoghi a individuare le zone dove effettuare gli interventi: sul torrente Gangi in contrada Sacupo con la pulitura del tombino danneggiato, di un tratto dell'alveo del torrente e il ripristino della sede stradale per circa 300 metri; in contrada Piano, pulitura dell'alveo e fornitura e posa in opera di gabbioni metallici; in contrada Piano Vuoci, ripristino muro di spalla di attraversamento in calcestruzzo completo di guardrail e sistemazione di un tratto del torrente con posa in opera di materasso-reno e gabbioni metallici; in prossimità dell'attraversamento sulla provinciale 62 pulitura dell'alveo per circa 350 metri; in contrada Terrati in prossimità del depuratore comunale e dell’attraversamento carrabile pulitura dell'alveo e in contrada Casalgiordano-Terrate pulitura dell'alveo.

I lavori inizieranno la prossima settimana. Il Comune di Gangi si è impegnato a rendere disponibili in tempi brevi le eventuali aree di proprietà privata che potessero essere interessate nella esecuzione dei lavori che saranno effettuati dalla ditta Ecol 2000 srl di Messina. L'ammontare complessivo dell'intervento è stato stimato in 200 mila euro la Ecol 2000 S.r.l ha offerto un ribasso netto del 8,95% che ha determinato un importo dei lavori di 127.470 euro oltre agli oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso pari a diecimila euro per 137.470 euro totali. I lavori, ricorrendo i presupposti della somma urgenza, dovranno essere compiuti entro 90 giorni.

"L'approssimarsi della stagione invernale - spiega il sindaco Francesco Migliazzo - ha reso necessario e ormai indispensabile l'intervento di pulizia degli alvei del nostro torrente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento