“Telejato non deve chiudere”, Dragotto acquista l’emittente tv

L'imprenditore e leader del movimento Impresa Palermo ha preso la decisione dopo che Sabina Guzzanti si è messa a disposizione per collegare la vicenda a quella dei teatri in rivolta e l'appello alle grandi firme del giornalismo

Pino Maniaci

“Telejato non deve chiudere. Ecco perchè ho deciso di finanziare personalmente l'acquisto delle apparecchiature per la trasmissione in digitale dell'emittente di Pino Maniaci”. Lo ha annunciato Tommaso Dragotto, leader del movimento Impresa Palermo e candidato sindaco per le prossime elezioni amministrative nel capoluogo siciliano. La decisione è stata assunta dall'imprenditore dopo che l'attrice Sabina Guzzanti si è messa a disposizione per collegare la vicenda dell'emittente, nota per il suo impegno antimafia, a quella dei teatri in rivolta e l'appello alle grandi firme del giornalismo italiano lanciato da diverse associazioni.

“Ho incontrato sabato scorso il giornalista Pino Maniaci - ha spiegato Dragotto - ed abbiamo discusso sulla necessità concreta di non permettere che l'emittente televisiva chiuda i battenti, in quanto bisogna salvaguardare il suo ruolo di informazione libera in un territorio difficile com'è quello in cui trasmette. Telejato - ha concluso l'imprenditore - continuerà a svolgere la sua fondamentale attività per riscattare la nostra Isola dalla peste mafiosa. Non è una promessa ma un dato di fatto”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

Torna su
PalermoToday è in caricamento