“Telejato non deve chiudere”, Dragotto acquista l’emittente tv

L'imprenditore e leader del movimento Impresa Palermo ha preso la decisione dopo che Sabina Guzzanti si è messa a disposizione per collegare la vicenda a quella dei teatri in rivolta e l'appello alle grandi firme del giornalismo

Pino Maniaci

“Telejato non deve chiudere. Ecco perchè ho deciso di finanziare personalmente l'acquisto delle apparecchiature per la trasmissione in digitale dell'emittente di Pino Maniaci”. Lo ha annunciato Tommaso Dragotto, leader del movimento Impresa Palermo e candidato sindaco per le prossime elezioni amministrative nel capoluogo siciliano. La decisione è stata assunta dall'imprenditore dopo che l'attrice Sabina Guzzanti si è messa a disposizione per collegare la vicenda dell'emittente, nota per il suo impegno antimafia, a quella dei teatri in rivolta e l'appello alle grandi firme del giornalismo italiano lanciato da diverse associazioni.

“Ho incontrato sabato scorso il giornalista Pino Maniaci - ha spiegato Dragotto - ed abbiamo discusso sulla necessità concreta di non permettere che l'emittente televisiva chiuda i battenti, in quanto bisogna salvaguardare il suo ruolo di informazione libera in un territorio difficile com'è quello in cui trasmette. Telejato - ha concluso l'imprenditore - continuerà a svolgere la sua fondamentale attività per riscattare la nostra Isola dalla peste mafiosa. Non è una promessa ma un dato di fatto”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • Incidente a Corleone, auto sbanda e finisce contro un albero: morto diciannovenne

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Palermo dove trovare sconti e fare affari

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

Torna su
PalermoToday è in caricamento