Calcio, no al tesseramento di un minorenne migrante: condannata la Figc

Il giudice ha dichiarato discriminatorio il comportamento della Federazione - che si era rifatta a una regola della Fifa - per il mancato tesseramento quattordicenne, originario del Mali, la cui tutela è affidata all’assessore alla Cittadinanza sociale Agnese Ciulla

Migranti giocano a calcio - foto archivio

Il giudice Michele Ruvolo della prima sezione civile del Tribunale di Palermo, ha condannato la Federazione Italiana Gioco Calcio (Figc) dichiarando discriminatorio il suo comportamento per il mancato tesseramento di un minore, A.T. originario del Mali, e la cui tutela è affidata all’assessore alla Cittadinanza sociale Agnese Ciulla.

Il ragazzo, che vive a Palermo con due genitori affidatari, aveva infatti chiesto il tesseramento ad una società calcistica dilettantistica della città, ma questa non ha potuto inserirlo nella propria “rosa” di piccoli giocatori per il diniego opposto dalla Federazione nazionale, che si era a sua volta rifatta ad un regolamento internazionale della Fifa. Il Giudice Ruvolo, nell’accogliere la richiesta formulata dai familiari e dalla tutrice del ragazzo, rappresentati dall’Avvocato Giuseppe Cascina, ha invece ravvisato nel comportamento della Figc un atteggiamento discriminatorio. Secondo il regolamento della Fifa, infatti, alcune limitazioni all’iscrizione di calciatori minorenni stranieri non accompagnati, sarebbero legate alla volontà di tutelare gli stessi ragazzi da manovre speculative e, in buona sostanza, sarebbero mirate al bene dei minorenni.

Nel caso in specie, secondo il giudice, la situazione personale e familiare del ragazzo, appunto tutelato dal Comune ed inserito in un contesto familiare affidatario, così come la stessa volontà della società sportiva di farlo partecipare al campionato ufficiale, dimostrerebbe che non vi è il rischio di comportamenti speculativi. Il mancato tesseramento di A.T., secondo il Giudice, avrebbe anzi determinato un danno materiale al ragazzo, che a differenza dei suoi compagni di squadra non ha potuto partecipare alle competizioni ufficiali.

Il Giudice ha quindi ordinato alla Figc l’immediata iscrizione e il provvisorio tesseramento del minore A.T. per il campionato “Giovanissimi Regionali e Sperimentali” 2015/2016. Commentando il provvedimento, il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore Agnese Ciulla hanno sottolineato come “questo episodio dimostra l’importanza di creare, come a Palermo abbiamo creato, una rete sociale e umana fra i minori non accompagnati che giungono in Italia e i cittadini e le cittadine palermitane, e come per tutti i minori  devono essere riconosciuti tutti i diritti legati alla loro età e alla loro condizione.”

Un benvenuto alla sentenza viene pure da Adham Darawsha, presidente della Consulta delle culture, che sottolinea come “questo provvedimento conferma Palermo come luogo di accoglienza e conferma che nella nostra città vi sia spazio e possibilità di coinvolgimento di tutti e di tutte, anche attraverso lo sport".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Miglior street food di Palermo, arriva Alessandro Borghese con i suoi "4 Ristoranti"

  • Incidente a Belmonte, Bmw finisce fuori strada e prende fuoco: morti due ragazzi

  • Morte di Giuni Russo, le rivelazioni di Donatella Rettore in tv e la polemica: "Non dice la verità"

  • Via Maqueda, colpito alla testa mentre passeggia: grave 33enne

  • Rovigo, palermitano strangola e uccide la moglie di 23 anni

  • Mafia, sequestrato tesoro del boss Salerno: ci sono anche tabaccheria e focacceria

Torna su
PalermoToday è in caricamento