Viaggio nella Terza Circoscrizione "Fognature? Non sono ancora per tutti"

Intervista al presidente Antonino Santangelo, approdato al gruppo Misto dopo un passato a Grande Sud. "Allagamenti e buche nelle nostre strade sono all'ordine del giorno. Si aspettavano i fondi Fas, ma sono stati dirottati altrove"

Antonino Santangelo, presidente della Terza Cicoscrizione

Iniziamo una serie di interviste ai presidenti delle otto circoscrizioni. Coloro che, insieme ai consiglieri, hanno più di altri politici il "polso" della situazione nei vari quartieri di Palermo. Si comincia con Antonino Santangelo, 48 anni, presidente della Terza Circoscrizione, gruppo Misto. Che comprende i quartieri: Oreto-Stazione (parte), Villagrazia, Falsomiele. (fonte: Comune di Palermo).

Quali sono i problemi più "importanti" nel territorio della circoscrizione?

“Cose di cui parlare ce ne sono davvero tante. A cominciare dalla mancanza di fognature, un problema che si traduce in allagamenti e disagi per le famiglie che si affidano alle fosse imof. Fra le strade con questo problema ci sono le vie Valenza, Agnetta, Etna. Le cose dovevano cambiare con l’arrivo dei fondi Fas ma i finanziamenti non sono stati dirottati nel nostro territorio”.

E la mancanza di fognature o la mancata manutenzione è causa di altri disagi...

"Ovviamente. Allagamenti e tombini scoppiati quando piove e poi non dimentichiamo la piaga delle buche. Accade così che, proprio nel bel mezzo di via Villagrazia, all’altezza della parrocchia di Maria Santissima delle Grazie si crei una voragine che non dà tregua agli automobilisti costretti a fare le gimkane attorno alle protezioni posizionate dagli uomini della Rap".

Altre criticità?

"Spostandoci di zona troviamo l’intramontabile questione delle discariche. La più “importante” quanto a grandezza e pericolosità è quella di via Paternostro, dove è presente anche tanto eternit – spiega Santangelo – Una discarica a cielo aperto alla fine del quartiere Guadagna, una piaga che può essere debellata solo con un aumento dei controlli”.

Cosa sogna per la sua circoscrizione?

"Il sogno è quello di trovare i finanziamenti per quei progetti che, proprio per mancanza di fondi è difficile pensare realizzabili nel prossimo futuro. Poco tempo fa abbiamo presentato una mozione per resuscitare la rotonda di via Oreto che da cinque anni è stata totalmente chiusa e ora si è trasformata in un ricettacolo d’immondizia. Un biglietto da visita negativo per chi arriva a Palermo e che vorremmo totalmente rinnovata. Infine – aggiunge – uno dei problemi che mi sta più a cuore è quello della scalinata di Villagrazia. Si tratta di un progetto partorito circa un decennio fa, una grande opera incompiuta a causa della mancanza di finanziamenti. La scalinata doveva collegare piazza Villagrazia alla scuola elementare Giuseppe Scelsa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

Torna su
PalermoToday è in caricamento