"Uscite se non volete morire": urla e panico, incubo terrorismo all'università

L'irruzione di un ragazzo in mensa mentre gli studenti stavano cenando: "Chi è satanista e vuole morire rimanga qui, chi è cattolico, musulmano o ebreo esca fuori". Fuggi fuggi generale, poi l'arrivo della polizia

Le volanti della polizia all'università

Terrore alla mensa dell'università. Ieri sera un giovane ha fatto irruzione mentre gli studenti stavano cenando urlando come fosse un terrorista: "Chi è satanista e vuole morire rimanga qui, chi è cattolico, musulmano o ebreo esca fuori". Immediatamente è scattato il fuggi fuggi generale e sono state attivate le misure di sicurezza. Una volta fatta luce sulla vicenda l'Ersu ha deciso di sospendere i benefici (posto letto e servizio di ristorazione) nei confronti dello studente identificato come autore del gesto, il 26enne M.F. di origini marocchine.

"STAVAMO MANGIANDO, SONO SCAPPATI TUTTI": IL RACCONTO DEI PRESENTI - VIDEO

E' successo intorno alle 20.30. In pochi minuti tutti gli studenti sono usciti in massa dal pensionato Santi Romano di viale delle Scienze. I testimoni sostengono avesse con sé anche uno zainetto che qualcuno ha temuto potesse contenere una bomba. Il ragazzo è stato raggiunto e bloccato dagli uomini della sicurezza ed è stato portato fuori. Sul posto - oltre ai vigilantes - in pochi minuti sono arrivate numerose volanti della polizia. Da capire se si sia trattato "soltanto" di uno scherzo di cattivo gusto. Nessun episodio di terrorismo comunque, ma solo un gesto che il ragazzo dovrà chiarire alle autorità competenti. I controlli della polizia sono andati avanti per ore.

Le forze dell’ordine invitano alla calma confermando che non esiste alcun pericolo reale. Ma la notizia - dalle 21 di ieri sera - è rimbalzata velocemente sulle chat degli studenti universitari via Whatsapp, ma anche via Facebook e su altri social network. Un episodio sospetto che ha alimentato la psicosi dopo i recenti eventi terroristici. Il ragazzo - che non aveva nulla di pericoloso con sé - è stato prima portato nell'anfiteatro della cittadella universitaria, e poi interrogato a lungo dalla polizia. Secondo alcune testimonianze si tratterebbe di uno studente straniero che vive nella residenza universitaria "Casa del Goliardo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento