Termini Imerese, "scivola" il tetto della chiesa di Sant'Orsola: a rischio gli affreschi

A lanciare l'allarme, con una lettera indirizzata alla Soprintendenza Beni Culturali e alla Curia, sono le associazioni BCsicilia e La Casa di Steni che chiedono di verificare lo stato delle opere che risalgono al Seicento

Il tetto della chiesa

Il tetto della chiesa di Sant'Orsola, a Termini Imerese, sta "scivolando" e gli affreschi sono a rischio. A lanciare l'allarme, con una lettera indirizzata alla Soprintendenza ai beni culturali e alla Curia, sono le associazioni BCsicilia e La Casa di Stenio che hanno chiesto "la verifica dello stato di conservazione degli affreschi della volta".

Il complesso monumentale è il frutto di due chiese sovrapposte costruite in periodi successivi. L’edificio religioso ingloba inoltre una delle torri di difesa poste nelle mura che si snodavano lungo il perimetro della città in età romana e nel Medioevo, struttura che è ancora oggi riconoscibile. La chiesetta inferiore è documentata sin dal quindicesimo secolo. L’altra, quella superiore, innalzata successivamente, si presenta a pianta rettangolare coperta da una volta a botte e con cappelle laterali intercomunicanti, tre per ogni lato. Il complesso fu completato nella metà del Settecento. Nella definizione del suo aspetto attuale ha avuto un ruolo determinante la Compagnia dei Neri, nobili caritatevoli che avevano il compito di seppellire i poveri, che aveva sede presso la stessa chiesa e che destinò l’edificio religioso inferiore a cripta della stessa Compagnia. E ancora oggi si possono notare al suo interno dei cadaveri mummificati. L’edificio sacro racchiude nel suo interno preziose testimonianze d’arte, con tele di grande pregio, eseguiti da pittori famosi tra cui il celebre artista Tommaso Pollace (1748-1830) e Mattia Preti (1613-1699) ritenuto da molti tra i più grandi pittori della seconda metà del Seicento. La chiesa è arricchita dagli affreschi nell’abside e nella volta attribuiti a Don Alessio Geraci, pittore e decoratore, ritenuto stilisticamente vicino al Sozzi e al D’Anna.

"In passato la Soprintendenza - si legge in una nota delle associazioni - ha effettuato i lavori sulle coperture, sul campanile e sugli intonaci dei prospetti esterni. Lo scivolamento delle tegole e la pioggia possono avere danneggiato gli affreschi per cui sarebbe urgente verificare lo stato delle pitture. Controllo non facile da eseguire in quanto la volta è stata a suo tempo messa in sicurezza da una struttura lignea che ne nasconde alla vista i dipinti seicenteschi".  

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Commercio a Palermo, nelle vie "in" affittare un negozio costa anche 165 mila euro l'anno

I più letti della settimana

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • "Questo è per lei", pacco sospetto consegnato in spiaggia alla moglie di un carabiniere

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Fiamme in una casa di via Altarello, nell’incendio morto un anziano

  • Due dj, bar e duecento persone in pista: sequestrata discoteca abusiva a Mondello

  • San Cipirello, 41enne trovato morto sul marciapiede di fronte casa: ipotesi omicidio

Torna su
PalermoToday è in caricamento