#salviamotelejato, partita una petizione per salvare la tv antimafia

L'iniziativa è stata lanciata su Change.org dalla reporter Elisa Martorana e in tre giorni ha raccolto oltre 10 mila firme. L'emittente di Maniaci rischia di chiudere perchè disturberebbe le frequenze di Malta. L'Unci Sicilia: "Pesanti ripercussioni sulla pluralità di voci"

Pino Maniaci, direttore di Telejato

E' partita la mobilitazione sul web per salvare Telejato, tv simbolo di Partinico della lotta alla mafia. Su Change.org la petizione lanciata dalla reporter Elisa Martorana in tre giorni ha raccolto oltre 10 mila firme. Lo spegnimento dell'emittente locale sarebbe già stato stabilito: il prossimo 2 dicembre

Il motivo di questa chiusura? La petizione riporta che: "disturberebbe le trasmissioni televisive di Malta" (VAI ALL'ARTICOLO). Di Malta. Un punto su cui il direttore Pino Maniaci ha commentato: "Per puro caso Telejato occupa il canale 46. Vorrei tanto capire come può un'emittente che trasmette da monte Bonifato, ad Alcamo, in provincia di Trapani, arrivare fino a Malta". A questo link e di seguito il testo completo della petizione: change.org/salviamotelejato

E sulla vicende interviene anche l'Unci Sicilia. "Dal 2 dicembre - si legge in una nota - una ventina di emittenti siciliane rischiano di essere oscurate a causa di una delibera del Ministero dello Sviluppo Economico che impone l'eliminazione, su tutto il suolo italiano, delle frequenze interferenti con Paesi confinanti. Questa decisione avrebbe pesanti ripercussioni sulla pluralità di voci e sul diritto d'informazione dei siciliani, già minato recentemente dalla chiusura di altre emittenti storiche. Un danno grave che coinvolge redazioni che con il loro lavoro e le loro inchieste hanno consentito il disvelamento di importanti intrecci di malaffare, anche di risonanza nazionale".

L'Unci Sicilia esprime "vicinanza e solidarietà a quanti, tra cronisti e tecnici, in questi giorni vivono momenti di apprensione e incertezza per il proprio futuro professionale". L'Unione cronisti della Sicilia auspica anche "una rapida soluzione che tenga conto dell'importanza di garantire il godimento del diritto e dell'esercizio di una piena liberta' di stampa".

"In una fase storica così delicata - dice il presidente Andrea Tuttoilmondo -, in cui informare e l'essere informati assumono un valore assoluto nella vita della società, il venir meno di qualsiasi voce critica sul mondo rappresenta un pericolo che non ci si può concedere di correre".

"Tra le emittenti a rischio - aggiunge Leone Zingales, vice-presidente nazionale dell'Unione cronisti - c'è anche Telejato, coraggiosa 'roccaforte' antimafia dell'informazione isolana. Si spera che vengano poste in essere tutte le iniziative per garantire a Telejato e alle altre tv il proseguimento dell'attivita' per una libera informazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento