Orlando veste i panni del direttore d'orchestra e svela ai bimbi i segreti del Teatro Massimo

L'iniziativa nell'ambito del progetto “Scopriamo l’orchestra”, per avvicinare i più piccoli a un mondo apparentemente riservato agli adulti. Il Sindaco: "Il Massimo non è soltanto un tempio della grande musica, ma anche teatro e casa della città"

Spettacoli, laboratori, visite guidate: sono le attività che il Teatro Massimo con gli assessorati alla Scuola e alla Cittadinanza solidale organizza nel quadro dei finanziamenti per la promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza. Con i  laboratori “Scopriamo l’orchestra”, in corso in questi giorni, gli alunni di alcune scuole cittadine si stanno avvicinando al teatro, alla musica dal vivo e agli strumenti dell’orchestra. Prima lavorano in aula e poi li sperimentano sul palco. Ieri i protagonisti sono stati i bimbi che frequentano le quinte elementari dell’I. C. Di Vittorio. Presenti anche il sindaco Leoluca Orlando, che ha impugnato la bacchetta da direttore, l’assessore alla Scuola Giovanna Marano e il sovrintendente Francesco Giambrone.

Per Orlando "Il Massimo non è soltanto un teatro accogliente, viene percepito come il teatro della città, una città che sta riscoprendo grazie all’impegno delle scuole la musica. La presenza degli studenti con gli insegnanti e con i loro genitori al Teatro Massimo, conferma ancora una volta che il Massimo non è soltanto un tempio della grande musica, ma anche teatro e casa della città".

"Con questi laboratori e con il rapporto fecondo e decisivo instaurato con il Teatro Massimo -- sottolinea l'assessore Marano - proponiamo un approccio alla musica inteso come educazione all’ascolto. Si tratta di un esercizio utilissimo perché introducendo bambine e bambini alla musica li accompagna  verso  l’ascolto dell’altro. Tutto ciò che noi proponiamo in termini d’ascolto musicale permette di rendere forte il senso di condivisione, di cooperazione e quindi anche di comunità. Niente come la attività emotiva sprigionata dalla musica ha la forza di aprirci all’ascolto dell’altro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È sempre una grande soddisfazione – dice il sovrintendente Francesco Giambrone – poter accogliere dei giovani, che scoprono con questi progetti la magia della vita del Teatro, avendo l’opportunità di accostarsi anche a tutto il lavoro che si svolge dietro le quinte. Scendere nella fossa dell’orchestra e osservare gli strumenti da vicino aggiunge una nuova dimensione allo studio già fatto in classe, grazie al minuzioso e attento lavoro degli insegnanti che destano la curiosità dei ragazzi e li preparano agli spettacoli e alle visite in teatro, iniziando così un rapporto tra questi giovani e il teatro della loro città che spero li accompagnerà per tutta la vita".
 
La Fondazione Teatro Massimo nel corso degli ultimi anni ha avviato un progetto di riqualificazione e valorizzazione del territorio e dei quartieri disagiati della città attraverso la realizzazione di manifestazioni culturali. Solo nel 2019 sono stati allestiti gli spettacoli "Oh che armonico fracasso!" e "Bastiano e Bastiana" in sala Onu, e "Il meraviglioso circo della luna" in sala grande. Un concerto in sala grande la sera del 25 novembre ha visto la partecipazione di oltre 300 bambini e ragazzi delle orchestre e dei cori di Palermo ripreso da RaiI Ragazzi. E ancora, tra ole iniziative, la "Cenerentola di Danisinni "che si è svolta a settembre coinvolgendo gli abitanti del quartiere palermitano nella preparazione dello spettacolo e i laboratori multidisciplinari per bambini e ragazzi che permettono di scoprire il Teatro Massimo, la musica, gli strumenti musicali, e i laboratori di Brancaccio dove vengono create le scene degli spettacoli. Le opere in sala Onu tra novembre e dicembre hanno visto la partecipazione di oltre 500 studenti tra novembre e dicembre, mentre i 26 appuntamenti dei laboratori svoltisi tra ottobre e gennaio per "a casa della musica", "Scopriamo l’orchestra", e i laboratori in sartoria e nei laboratori scenografici di Brancaccio hanno coinvolto oltre 1250 tra bambine e bambini e i docenti accompagnatori. Destinatarie privilegiate di questo progetto sono state quelle istituzioni scolastiche ubicate in territori a rischio di marginalità sociale.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Agrigento, violento scontro sulla Statale: un morto

  • Sue le serate più belle del nuovo millennio, Palermo piange per Darin "l'amico di tutti"

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

  • Il pm di Lecco Laura Siani trovata morta in casa, aveva lavorato anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento