Teatro Biondo, aperto il confronto con i sindacati: "Avviate le basi per nuovo percorso"

Così il segretario generale della Slc Cgil Palermo: "Auspichiamo che il Biondo, dopo averci a lungo provato, con questa nuova progettualità possa aprirsi e diventare teatro nazionale"

“Dopo anni di azioni unilaterali, dal taglio dell'integrativo aziendale all'applicazione dell'ammortizzatore sociale Fis,  è cominciata la costruzione di un percorso profondamente diverso. Una discussione seria sul rilancio del Teatro Biondo con una programmazione da tre a cinque anni, un avvio concreto per la contrattazione di secondo livello, la riduzione o l'eliminazione del contenzioso legale e il confronto sulla pianta organica. Ci sembra un avvio importante, poter esigere certezza di risorse con una programmazione chiara e di lunga durata”. Lo dichiara il segretario generale della Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso, dopo un confronto che si è svolto al Biondo tra le segreterie territoriali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil con il presidente del cda del Biondo Gianni Puglisi, una rappresentanza del consiglio d'amministrazione e il consulente Enzo De Fusco. 

“Senza certezza di risorse, per un grande teatro viene meno la possibilità di avere collaborazioni e produzioni di rilievo,  stagioni estive e tournée – prosegue Maurizio Rosso -. Da sempre l'Slc ha sostenuto che una programmazione a lungo respiro è il movente per attrarre forti capitali privati. Un teatro che produce eccellenza, diventa incapace di attrarre sponsorizzazioni di multinazionali e di  piccole e medie imprese solo se garantisce risorse certe e una programmazione chiara”.

“L'Slc chiede che il Teatro Biondo, il cui scopo certamente è quello di aprirsi alla città e di produrre cultura, stia attento anche alla produzione di occupazione – continua  Rosso - Crediamo sia importante rivolgere l'attenzione a quegli artisti e alle maestranze locali che possono avere residenza in questo teatro. Auspichiamo che il Biondo, dopo averci a lungo provato,  con questa nuova progettualità  possa aprirsi e diventare teatro nazionale. L'ultimo Teatro Nazionale si trova a Napoli. Dopo il teatro Stabile di Napoli, non esiste in tutto il Sud un altro teatro che si fregi di questo riconoscimento. Ci sembra quantomeno discriminatorio per la cultura del meridione”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Polizzi Generosa, netturbino morto folgorato: colpito da un fulmine mentre lavorava

  • Più di 7 milioni di euro di immobili all'asta, come aggiudicarsi le 36 case in viale del Fante

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento