Tatuatore abusivo in via Turrisi Colonna, maxi multa per un 48enne

Operazione dei carabinieri della stazione Crispi e dei militari del Nas: l'uomo, che formalmente risultava disoccupato, aveva avviato l'attività "che era priva di qualsiasi requisito"

Lo hanno monitorato per una decina di giorni. Poi hanno fatto irruzione nel locale dove svolgeva abusivamente il "lavoro" di tatuatore, in via Turrisi Colonna. I carabinieri della stazione Crispi, insieme ai militari del Nas, hanno sanzionato un palermitano di 48 anni. L'uomo, che formalmente risultava disoccupato (ma non percepiva il reddito di cittadinanza), aveva avviato l'attività "che era priva di qualsiasi requisito", dicono dal comando provinciale dei carabinieri. Il 48enne aveva circa cinque clienti al giorno e sono indagini per capire il volume di affari generato nel locale utilizzato per la realizzazione di tatuaggi.

"Il titolare dell'attività abusiva è stato multato per le seguenti violazioni: mancanza del titolo abilitativo e inidoneità dei locali e mancanza di autorizzazione comunale - dicono i carabinieri -. Alla fine sono state elevate sanzioni amministrative per circa 1.200 euro". Il personale del Comune (servizio Suap) dopo il blitz dei militari ha emesso nei confronti del 48enne il provvedimento con diffida a svolgere l’attività di tatuatore, "poiché non ne possiede i titoli e le autorizzazioni previste e lo intima ad eliminare gli attrezzi destinati allo svolgimento della professione abusiva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento