Tangenti, Helg in tribunale: ammesso dal gup il rito abbreviato

Prima udienza per l'ex presidente di Confcommercio Palermo. Presente in aula anche il pasticcere Palazzolo, che denunciò ai carabinieri l'estorsione collaborando al blitz in cui Helg fu colto in flagranza. Anche Comune e Gesap si costituiscono parte civile

Helg seduto al banco degli imputati con il suo avvcocato Di Benedetto

Helg in Tribunale per il processo che lo vede imputato per estorsione. Il gup Daniela Cardamone ha accolto la richiesta della difesa per il rito abbreviato per l’ex presidente di Confcommercio, sorpreso e arrestato dai carabinieri mentre intascava nel suo studio una mazzetta da 100 mila euro da Santi Palazzolo, presente oggi in aula, per la proroga del contratto di affitto dello showroom all’aeroporto Falcone Borsellino. Il pasticcere, però, aveva denunciato il tutto ai carabinieri, presentandosi all’appuntamento con dei microfoni nascosti. Oltre a lui, anche il Comune di Palermo, la Camera di Commercio, Confcommercio Palermo e Sicilia, Codici Sicilia, Codici onlus, AddioPizzo, Sos Usura, Sos Impresa, Confesercenti, Unioncamere e Solidaria si sono costituiti parte civile.

LEGGI ANCHE: IL PATRIMONIO DI HELG NEL MIRINO DELLA PROCURA

Quella di oggi, per Helg, è stata la prima giornata passata lontano da casa sua, dove è stato confinato agli arresti domiciliari dopo la bufera che lo ha travolto lo scorso marzo. Ad accompagnarlo il suo legale difensore, Giovanni Di Benedetto. Tra le panchine dell’aula 16, nel nuovo palazzo di giustizia, c’era anche Palazzolo, che ha ascoltato composto e in religioso silenzio l’udienza. Estorto ed estorsore hanno incrociato i loro sguardi per pochi attimi. “Cosa ho provato quando l’ho visto? Solo tanta indifferenza”, ha dichiarato il pasticcere di Cinisi. L’accusa è rappresentata dai pm Claudia Ferrara e Luca Battinieri mentre, per le parti civili, ci sono l’avvocato Massimo Motisi per Gesap e Giovanni Airò Farulla per il Comune di Palermo.

LEGGI ANCHE: L'EX DG GESAP SCELTA INDAGATO PER CONCORSO IN ESTORSIONE

helg udienza gup 15 settembre 2015-2Dopo più di un’ora l’udienza è stata sospesa per permettere al gup di ritirarsi in camera di consiglio e alle parti di interloquire sulle richieste di costituzione di parte civile. Il pasticcere Santi Palazzolo e la Gesap, la società che gestisce l'aeroporto sono state ammesse dal gup. Accettate come parti civili anche Comune di Palermo, Comune di Cinisi, Addiopizzo, Solidaria, Confcommercio Palermo e Confcommercio Sicilia, Camera di commercio Palermo, Unioncamere, Confesercenti e Sos Impresa. Escluse, invece, le associazioni Codici Sicilia e Codici onlus. Il processo è stato rinviato al 22 ottobre per la discussione

Sul rinnovo del contratto di Palazzolo, che ha dichiarato che rifarebbe tutto ciò che ha fatto “altre cento volte”, si attende la decisione del collegio arbitrale. La Gesap, infatti, aveva dato risposta negativa e il pasticcere aveva deciso di rivolgersi a un collegio arbitrale. "Non voglio esprimermi. Aspetto - ha dichiarato - la decisione dell'arbitrato. Ho massima fiducia nel giudice". E sul processo abbreviato a carico di Roberto Helg (nella foto a destra) dice: "Ho fiducia nella giustizia, bisogna avere fiducia".

L'avvocato della difesa ha depositato la proposta di risarcimento avanzata da Helg e rifiutata da Palazzolo. Il processo è stato rinviato al 22 ottobre, quando sarà sentito Palazzolo. Il 29 ottobre si procederà alle discussioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento