Carabinieri accusati di stupro a Firenze, uno dei due è palermitano

Si tratta di un carabiniere scelto di 32 anni. Insieme al suo collega, un appuntato scelto originario di Prato, avrebbe abusato di due ragazze americane in Italia per motivi di studio. I due sono stati immediatamente sospesi dal servizio

E' palermitano uno dei due carabinieri accusati di avere abusato sessualmente di due turiste nella notte tra mercoledì e giovedì scorso a Firenze. Secondo quanto riporta il quotidiano fiorentino La Nazione, i due militari coinvolti sono l’appuntato scelto Marco Camuffo, originario di Prato, e il carabiniere scelto Pietro Costa, 32 anni, nato a Palermo. I due sono stati immediatamente sospesi dal servizio.

I fatti

All'alba di giovedì due ragazze americane di 19 e 21 anni si sono presentate alla polizia di Firenze denunciando di essere state violentate da due carabinieri. Le giovani, due ragazze americane in Italia per motivi di studio, hanno detto di essere state avvicinate dai carabinieri fuori da una discoteca. I militari erano in divisa, con l'auto di servizio e si sarebbero offerti di accompagnarle a casa. La violenza sarebbe avvenuta nell'androne dello stabile. 

Le ammissioni

Il più alto in grado, l’appuntato scelto, si è presentato spontaneamente in Procura accompagnato dal suo legale. Ha ammesso davanti ai magistrati di aver avuto un rapporto sessuale con una delle due ragazze, ma sostenendo che la giovane fosse consenziente. "Non sono un mostro - ha detto - so di aver fatto una cosa inqualificabile, ma lei era consenziente. Mi sono fatto trascinare in questa situazione, non so neanche io perché, ma sono state loro a invitarci a salire a casa". Il più giovane invece ha negato ogni accusa, ma senza rendere dichiarazioni spontanee. Il procuratore capo Creazzo dice di attendere che lui si presenti, altrimenti sarà convocato. Ma il 32enne dopo i tentennamenti di questi giorni, ha fatto sapere di voler rispondere alle domande dei pubblici ministeri.

Il suo collega sostiene di aver visto che entrava con la giovane in ascensore ma di non sapere che cosa sia successo. La studentessa invece non ha dubbi: mi ha violentata. Versione ovviamente che dovrà essere accertata. Di certo c’è che nessuno dei due aveva fatto cenno con i superiori a quanto accaduto quella sera. Ecco perché, già nei prossimi giorni saranno interrogati anche dal procuratore militare Marco De Paolis e dal sostituto Antonella Masala, titolare del fascicolo. Entrambi sono indagati dalla procura militare di violata consegna e peculato. Contestato l’uso dell’auto a fini privati e la mancata comunicazione alla sala operativa sull’intervento in discoteca.

Le reazioni

Condanna unanime, ma anche lavolontà di attendere l'esito delle indegini, dai vertici delle istituzioni e dell'Arma. Per il ministro Roberta Pinotti: "Quanto successo a Firenze è di una gravità inaudita. Seguiamo il lavoro che sta facendo magistratura ma saremo ovviamente inflessibili". Per il generale Tullio Del Sette, comandante generale dell'Arma, "è un grande dolore vedere come basti il comportamento indegno, illegittimo e immorale di un qualche carabiniere, per oscurare il lavoro che compiono giorno e notte centomila uomini. E' imperdonabile, anzitutto per noi, il grave danno che stanno facendo all'Arma. Questi fatti ci feriscono nel prestigio, gravemente".

Il Comune di Firenze si costituirà parte civile nell'eventuale processo contro i due carabinieri. Il sindaco Dario Nardella ha dato mandato agli uffici legali di Palazzo Vecchio di preparare gli atti in caso di rinvio a giudizio sulla vicenda che vede indagati due carabinieri per la violenza sessuale nei confronti di due studentesse.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (40)

  • Avatar anonimo di James
    James

    Continuiamo con gli ipocriti abbonati a chat erotiche che vorrebbero lapidare i due valorosi carabinieri. "erano in sevizio con le braghe calate" ok, sanzione disciplinare  "car di servizio, peculato, 23 minuti " il compito  delle forze dell'ordine è di aiutare chi ne ha bisogno, le due americane che hanno accettato immediatamente il passaggio, ne avevano bisogno.  "Peculato " le hanno accompagnate in una via che era di loro competenza, quindi non c'è peculato visto che quella benzina l'avrebbero consumata lo stesso. "23 minuti non in servizio " 23 minuti sono quelli che il dipendente statale o privato che dia utilizza giornalmente per la pausa caffè nell'arco dell'Intera giornata lavorativa, Cara sinistra questa volta farete un botto, continuate così 

    • Ci fai o ci sei?

  • Avatar anonimo di James
    James

    iniziamo col dire che tante tante volte sono stato con ragazze diciamo non sobrie. Allora? Io un bel ragazzo (fatto obiettivo, poi posso anche non piacere) Lei senza freni inibitori mi provoca o mi dice esplicitamente che vuole fare sesso con me. Non è che se uno si ubriaca ha voglia di mangiare escrementi o accoppiarsi con un dobermann, quando si bene si fanno cose che il nostro corpo desidera ma che da sobri riteniamo "socialmente inopportuno " ma comunque cose (ambito sesso) che ci soddisfano e ci danno piacere. questo x i puristi  gli ipocriti ma soprattutto x coloro che anche se ubriache sono costrette a pagare per ricevere attenzioni da una donna.  

    • Avatar anonimo di Zorro
      Zorro

      Giusto per mettere i puntini sulle i... Solo un "uomo" di **** può vantarsi di aver approfittato di una donna ubriaca. Il bello è che non te ne rendi neanche conto.

  • Ma qui non si discute sul fatto che l'atto sia stato compiuto in modo consensuale o coercitivo; questo passa in secondo piano. I due MILITARI erano IN SERVIZIO; non hanno rispettato in alcun modo il protocollo. Inutile cercare scuse per difendere l'indifendibile! Mi dispiace.

  • Avatar anonimo di gisnny b
    gisnny b

    Allora prima di tutti ke i due indegni dovrebbero portare esempio è poi li dovrebbero kiudere uno a pagliarelli e l'altro ha  a rebibbia   a vita ha sti due indegni così provano cosa è il carcere buttateli in galera siete la vergogna dello stato italiano vergognatevi x quello ke avete fatto

  • Avatar anonimo di Salvatore
    Salvatore

    Salvatore. A Mr. Ehite suggerisco di leggere meglio la mia riflessione, infatti, il mio giudizio verso i due carabinieri è molto severo e biasimevole. Non difendo la divisa, parlo solo di due uomini già condannati a furor di popolo, tante volte l'occasione fà l'uomo ladro ed é diverso da chi fà il ladro senza l'occasione.

  • Al rogo gli stupratori e i pedofili

  • Penso che la magistratura abbia tutti i mezzi per accertare i fatti e procedere.di primo acchito le responsabilità sono veramente pesanti

  • Ovviamente, quando si tratta di presunti stupri di uomini delle forze dell'ordine, ecco che i fascistelli e i poveri citrulli del web scoprono il garantismo...addirittura qualcuno, particolarmente stupido anche per gli standard, di per sé carenti, dell'uomo medio, se ne esce fuori con allusioni a fantomatici complotti, tesi a distogliere l'attenzione dai fatti di rimini. Se lo stesso atto lo commette l'immigrato, però, gli stessi fascistelli e stupidotti si dimenticano il garantismo, e auspicano pene draconiane.Ovviamente, in questo secondo caso questa gente fa finta di scandalizzarsi per il presunto stupro, volendo in realtà dissimulare il proprio razzismo. Messaggio di buon senso: o si é garantisti sempre, oppure non lo si é mai. Il doppio standard o è giustificabile razionalmente e fattualmente, oppure non ha ragione d'essere. Sinceramente, ciò che mi da più fastidio di questa gente é che, avendo diritto di voto e capacità di riprodursi, indirettamente é in grado di danneggiarmi!

    • In questo caso, il reato ha un peso diverso. È un fatto gravissimo, compiuto da chi ha prestato giuramento, volto alla tutela dello Stato. Che vergogna.

      • D'accordo, ma il problema é la gente sempre pronta al dubbio quando il presunto reato é del carabiniere/poliziotto. Se invece il presunto reato è dello straniero, nessun dubbio, solo auspici di pene barbare. Malafede ideologica, mera dissimulazione di razzismo

        • No, io direi che si tratta solo di ignoranza e basta...

  • Scommetto sulla loro recidivita'

    • Infatti stanno allargando le indagini per capire se abbiano già avuto in passato comportamenti simili

    • Purtroppo ha vinto la scommessa.

  • Avatar anonimo di Mr.White
    Mr.White

    Caro Salvatore, predichi bene e razzoli male, etichettando le due ragazze come "ubriache e drogate, per questo poco attendibili"!!!! E se così fosse, allora i due carabinieri, erano leggittimati?!! Ma di che parli?!!! Già è un reato caricare gente non in manette sulle auto di pubblica sicurezza, quindi, suppongo premeditazione. Inoltre esiste una confessione. Svegliati... Oppure, devi per forza difendere due uomini in divisa, come il tizio che ti appoggia e sfoggia un simbolo palesemente di destra?! Ad maiora....

  • l carabinieri saranno buttati giustamente fuori dall'arma dopo aver pagato per il danno d'immagine recato ma non credo si tratti di stupro.

  • E brave le ragazze! Prima si divertono e dopo accusano.

    • Che squallore leggere questo commento da una donna......

    • In questo caso, a divertirsi, (probabilmente) sono stati altri due soggetti; e comunque, hanno fatto bene ad accusare, il reato mica è stato compiuto dalle ragazze!

  • bastardi

  • Avatar anonimo di Salvatore
    Salvatore

    Salvatore. Tutti pronti a giudicare, ma almeno prima constatiamo come sono avvenuti realmente i fatti, due ragazze drogate e ubriache non sono tanto attendibili direi, i carabinieri sono caduti nel loro gioco perverso, magari saranno stati invitati, incoraggiati ed eccitati, con questo non giustifico il loro operato, squallido e intriso di sessualitá selvaggia ma, aspettiamo, capiamo qual'è la realta e dopo giudichiamo. Fin dalla notte dei tempi ll giudizio della folla è stato sempre deleterio, parte uno,  e tutti gli vanno dietro senza avere capito magari il perché, ognuno esprima il suo giudizio, onesto e sincero dopo la condanna, ma tenendolo per senza farsi condizoonare dalla folla.

    • Se non riescono a tenere a freno i loro istinti, non posso indossare la divisa. Era tanto difficile scambiarsi il numero e tornare a fine turno?

    • Giusto Salvatore

      • siracusa rosanero sei un terrone secondo salvini, ricordalo.

  • visto che di moda va' per adesso il "- rimandiamoli a casa loro" , potremmo rischiare di ritrovarci questo stupratore per le nostre strade, quindi attenti all'uomo nero, ma con le strisce rosse sui pantaloni.

  • Sono stati troppi ingenui, se avessero entrambi riflettuto qualche minuto non fossero caduti in questo pasticcio da pagare a caro prezzo.

    • ingenui? lo stupratore è un malato , non è un ingenuo. che fai li giustifichi?

  • Il fatto grave sta in servizio e con il mezzo militare di servizio risulta.. al momento..!! Se lo stupro si rivelasse reale peggio..!! Le signorine in preda all'alcol, Hanno osato un po... spero si faccia ampia chiarezza..!! Potevano andare quando smontavano dal servizio ed in abiti civili..!! Se le signorine erano veramente consenzienti..!! Saluti

  • Avatar anonimo di Mr.White
    Mr.White

    Mi aspetto e mi auguro una pena esemplare. Minimo il licenziamento, non sono credibili con una divisa indosso. Non mi fanno pena, pentimento finto. Se consideriamo la premeditazione, caricando le ragazze nella macchina di servizio, atto vietato dalla legge e così via...  

  • Anche i cc peccano di potere... punizione esemplare...

  • Certo ci serviva proprio qualcun altro che gettasse fango sulla nostra terra! Nella fossa dei leoni andrebbero, tutti quelli che stuprano una donna indifesa! Vergogna!

  • Così sulla sua pagina il Colonnello Mario Paschetta _"Un piccolo particolare che,per alcune vecchie volpi dell'investigazione non apparirà così piccolo.Le due giovani erano da poco a Firenze,in quella serata erano sbronze e sotto l'effetto di stupefacenti.Nonostante tutto ciò avevano in tasca il numero di telefono di un noto penalista fiorentino,che e' specialista in reati a sfondo sessuale.Il legale subito dichiara che,poiche' le balde giovani erano nelle condizioni che ho descritto,il consenso eventualmente prestato deve essere considerato privo di qualsiasi valore.Quindi tutt'a la vicenda si giocherà sul livello di ubriacatura e di rincoglionimento da stupefacente delle due americane,non sul fatto che i gendarmi babbei abbiano ottenuto il rapporto con minacce o violenza.Devo dire che,nel racconto,ci sono ampi gli elementi per attestare la capacità cognitiva delle interessate.Ma il punto che farà sussultare alcuni miei amici,uno soprattutto che nel senso si era già esposto,e' che il legale che è intervenuto difende un soggetto nella vicenda Consip.In tale vicenda e' indagato il generale Comandante dei Carabinieri in Toscana.E,da una prima sommaria valutazione,le due posizioni,quelle del generale e del cliente,non sarebbero proprio tanto compatibili.Ora,tenendo conto di un più ampio scenario,con mezza Italia in subbuglio per la vicenda di Rimini,questa storia arriva come cacio sui maccheroni dei compagnucci dell'a parrocchietta.E io alle coincidenze non ho mai creduto.Ma sono un birbante,e' notorio........."_

    • Gombloddo !!1!!!

    • E certo dobbiamo distogliere l'opinione pubblica bue dagli schifosi migranti di Rimini che io darei volentieri alla Polonia

    • Bravissimo, quoto

  • Non ci sono parole, i fatti accaduti si commentano da soli, purtroppo!

  • E Bravi i due Carabinieri Focosi.... Ci siete voluti entrare... e ora ci siete rimasti... Buona galera spero almeno a vita. Spero ci possano mettere in delle celle che ci prendano a bastonate dalla mattina alla sera.. Due ragazze indifese... Mele Marce

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • Cronaca

    Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Oreto, scontro fra un'auto e una volante di polizia: cinque feriti

  • Cronaca

    Milano, l'autista palermitano è ubriaco: 66 parrocchiani in gita devono cambiare bus

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Falsi incidenti per truffare le assicurazioni, scoperta altra banda: 16 arrestati e 25 indagati

  • Incidenti finti, lacrime vere: "Mattoni per rompermi il braccio, piangevo ma non si fermavano"

  • La banda dei falsi incidenti, i nomi delle 41 persone coinvolte

  • "Ha provato a toccarmi", papà di una dodicenne picchia bidello di una scuola del Villaggio

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento