Ustica, oggi il processo d’appello Chiesta sospensione risarcimenti

L'avvocatura dello Stato chiede di bloccare l'esecutività della sentenza del tribunale che ha condannato i ministeri dei Trasporti e della Difesa a indennizzare, con oltre 110 milioni di euro, 86 familiari delle vittime della strage

I resti del Dc9 precipitato al largo di Ustica

L'avvocatura dello Stato ha chiesto alla prima sezione della corte d'appello di Palermo di sospendere l'esecutività della sentenza del tribunale che ha condannato i ministeri dei Trasporti e della Difesa a risarcire, con oltre 110 milioni di euro, 86 familiari delle vittime della strage del DC 9 inabissatosi nel mare di Ustica il 27 giugno dell'80. Davanti ai giudici di secondo grado è cominciato oggi il processo d'appello.

La corte, presieduta da Rocco Camerata Scovazzo, dopo avere ascoltato le difese delle parti risarcite, che si sono opposte alla richiesta dell'avvocatura, si è riservata la decisione. Qualora i giudici accogliessero l'istanza ci sarebbe uno stop ai risarcimenti fissati dal tribunale che ha ritenuto i ministeri responsabili di non avere garantito la sicurezza del volo e di avere negato ai familiari delle vittime il diritto alla verità sulla strage per oltre 20 anni. La corte si è riservata anche di decidere sulla richiesta di uno dei legali, l'avvocato Daniele Osnato, di dedicare un'udienza straordinaria solo alla discussione del processo per la strage di Ustica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 27 giugno del 1980, un Dc9 Itavia, da Bologna a Palermo, precipitò a largo dell'isola palermitana provocando la morte di 81 persone e aggiungendosi alla lista dei grandi misteri italiani. Lo scorso settembre i ministeri della Difesa e dei Trasporti furono condannati dal tribunale al risarcimento di oltre cento milioni di euro in favore dei parenti di una quarantina di passeggeri deceduti. Nello stesso ambito si sono svolti altri processi in cui familiari di vittime hanno ottenuto un risarcimento in sede civile. (fonte Ansa)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento