Strage di Capaci: "Stop alle polemiche sulle 'passerelle', la mafia ancora non è sconfitta"

A parlare è Michele Pagliaro, segretario generale della Cgil siciliana

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Le polemiche che puntualmente si ripresentano sul tema delle ‘passerelle’ o anche dell’antimafia, sono di fatto polemiche inutili che spostano l’attenzione dai problemi veri. Mi riferisco al fatto che la mafia non è sconfitta, che continua a infiltrarsi nell’economia, nella politica e nell’amministrazione e di fronte a questo bisogna mostrarsi compatti, anche con le manifestazioni”. Lo dice il segretario generale della Cgil siciliana Michele Pagliaro. “La Cgil – aggiunge partecipa alle iniziative di oggi con questo spirito, per rimarcare ancora una volta che c’è un’eredità che va raccolta, quella di chi ha dato la vita per la lotta contro la mafia.  Un’eredità che va declinata e onorata tutti i giorni con piccole e grandi azioni che rendano più profondo il solco che separa una società civile democratica che aspira allo sviluppo nella legalità dalle trame e dalle pratiche oscure e criminali di cosa nostra”.  Pagliaro dice anche che “iniziative come quelle in occasione del 23 maggio devono essere un richiamo alla politica tutta che sembra avere derubricato il tema della lotta contro la mafia e alle istituzioni sulla necessità di una bonifica radicale degli apparati pubblici rispetto a ogni forma di illegalità, di corruzione, di collusione”. “Il giudice Falcone - afferma Pagliaro- diceva che la mafia come fenomeno umano ha un inizio e può avere una fine. Oggi possiamo dire che sono stati fatti enormi passi avanti per quanto riguarda l’isolamento della mafia sotto il profilo culturale, ma gli allarmi che vengono da più fronti- conclude il segretario della Cgil regionale - mi portano a dire che la guardia va tenuta alta perché siamo ancora lontani dall’auspicata fine del fenomeno mafioso”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento