La stazione spaziale cinese a Palermo sarà visibile a occhio nudo

Tiangong-1, a pochi giorni dal suo rientro in atmosfera (previsto per il primo aprile) sta sfrecciando sulle nostre teste a 28 mila chilometri orari, a circa 200 chilometri di quota

La stazione spaziale cinese Tiangong-1

Ultimi passaggi visibili nel cielo della Stazione spaziale cinese Tiangong-1, che a pochi giorni dal suo rientro in atmosfera (previsto per il primo aprile) sta sfrecciando sulle nostre teste a 28 mila chilometri orari, a circa 200 chilometri di quota. A Palermo sarà visibile a occhio nudo.

"Oggi telescopi puntati sui cieli dell'Arizona, che saranno attraversati da parte a parte da questo oggetto luminoso intorno alle 14:37 (ora italiana) - si legge sul sito dell'Ansa -. Chi volesse provare a osservare la Tiangong-1 dal vivo dovrà aspettare venerdì 30 marzo, quando sorvolerà per l'ultima volta l'Italia: spettacolo assicurato al Sud, mentre sarà meno favorevole al centro e praticamente invisibile al Nord".

Rischio caduta frammenti anche sulla Sicilia

"Il passaggio sull'Italia - spiega all'Ansa l'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope - è previsto per il 30 marzo alle prime luci dell'alba, intorno alle ore 6.20. A Palermo la stazione spaziale sarà facilmente individuabile a occhio nudo, perché apparirà brillante come la stella Vega e passerà a 60 gradi di altezza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei giorni scorsi l'avviso diffuso dalla Protezione civile e inviato a tutti i ministeri e alla Regioni d'Italia, aveva parlato di una "possibile" caduta di frammenti che "potrebbe interessare il territorio nazionale" nei giorni "tra il 29 marzo e il 4 aprile". Con una precisazione: "Eventi di questo tipo e casi reali di impatto sulla Terra, e in particolare sulla terraferma, sono assai rari. Pertanto non esistono comportamenti di autotutela codificati in ambito internazionale da adottare a fronte di questa tipologia di eventi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento